Nuovi dettagli sulla trama di Deathloop e sulla curiosa meccanica multiplayer

Di Andrea "Geo" Peroni
9 Agosto 2020

Con il Quakecon at Home, Arkane Studios è tornata a parlare del suo prossimo videogioco, Deathloop, che uscirà in esclusiva temporale PlayStation 5 e PC.

Dinga Bakaba e Sebastien Mitton, rispettivamente game director e art director della nuova produzione di Arkane, hanno infatti approfittato del Quakecon 2020 per svelare qualche ulteriore dettaglio sul gioco, la cui data di uscita è però ancora ignota.

I creatori di Dishonored e Prey, in particolare, si sono focalizzati sulla storia di Deathloop, nel quale il protagonista Colt è bloccato all’interno di un loop temporale e si ritrova a essere l’oggetto di interesse di numerosi villain all’interno dell’isola che fa da sfondo a queste vicende.

Un modo per uscire da questo loop, ovviamente, esiste: Colt deve uccidere otto bersagli, chiamati Visionari, prima che l’orologio segni la mezzanotte, e dunque la nostra missione consisterà nell’identificare questi bersagli e capire il modo più adatto per eliminarli.

In tutto questo, non dovremo solamente controllare il tempo che passa, che rimane uno dei “nemici” più grandi dell’esperienza, ma anche evitare l’interferenza di Julianna. Questo personaggio, che potremmo definire la seconda protagonista di Deathloop, è anche uno degli elementi più interessanti della produzione.

Julianna è infatti un personaggio che cercherà in tutti i modi di fermare Colt, e che potrà anche essere impersonato. Pur restando un titolo fortemente votato al single player, Deathloop permetterà infatti di, entrando nella partita di un altro giocatore, mettersi nei panni di Julianna e tentare di fermare Colt. Allo stesso modo, altri giocatori potranno unirsi alla vostra partita e prendere possesso della “vostra” Julianna.

Una dinamica molto interessante e che potrebbe portare a curiosi risvolti. Attendete anche voi la nuova produzione di Arkane Studios?

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento