[Recensione] Can’t Drive This (PS5)

Di Marco "Connor" Corazza
18 Marzo 2021

Oggi parliamo di un titolo che nasce come gioco in singolo, ma che trova il pieno potenziale nel gioco condiviso, una cosa che è molto utile avere per divertirsi in compagnia, anche in locale; questo gioco di auto si distingue dai suoi simili per la possibilità di sovrapporre due modalità differenti di gioco: guida in un percorso e la generazione dello stesso, in multigiocatore si possono dividere i ruoli tra i componenti del gruppo.

Can’t Drive This è stato prodotto da Pixel Maniacs e verrà distribuito da domani su ogni piattaforma di precedente generazione, su PC e su PS5.

Versione provata: PlayStation 5.

 

NON SI PUO’ GUIDARE…O FORSE SI

 

Lo scopo del gioco è quello di percorrere il maggior numero di checkpoint possibile per poter superare il record precedente, un concetto semplice e d’impatto per chiunque, eppure vi sono variazioni nelle modalità presentate nei menù: dalle sfide, appena citate, contro il tempo fino al game of drones, una gara di sopravvivenza in cui evitare le mine elettromagnetiche sganciate dai droni controllati dalla CPU.

Il punto forte di Can’t Drive This è la generazione in tempo reale del percorso su cui guidare il nostro veicolo, ciò è fatto per aumentare la collaborazione e sintonia tra i giocatori, in caso di più partecipanti, o di coordinazione tra costruzione e guida; aspetto importante sarà capire al momento giusto dove e come posizionare le strisce di accelerazione, le pozze d’acqua, il muro di scatoloni e il cerchio di fuoco da centrare al volo lanciandosi dalla rampa.

I veicoli utilizzabili sono fondamentalmente monster truck, i quali varieranno di aspetto grazie all’editor per il veicolo e il tracciato, altra parte chiave del gioco che non va sottovalutata, la musica in sottofondo recita inoltre la parte del collante ideale per la longevità (che si andrebbe a perdere in parte se l’audio non fosse così esaltante!); il party racing game dimostra il massimo splendore nel gioco condiviso, sia in locale (4 giocatori) che online (2 giocatori), e nella diversità tra le modalità: prove a tempo classiche, che inducono ad una sfida contro il countdown e la difficoltà nel raggiungere più checkpoint possibili, e prove di sopravvivenza, tracciati da percorrere in un tempo limite e (fattore che la rende una modalità fantastica) contro altri giocatori, eventualmente.

 

PUNTI DI FORZA

  • Gameplay divertente da giocare, soprattutto in gruppo
  • Personalizzazione del veicolo e non, di buon livello
  • Comparto musicale molto coinvolgente

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • Poca manovrabilità dell’auto in spazi stretti

Can’t Drive This può definirsi come “il gioco da condividere” e nonostante delle note in parte “negative” che influenzano la giocabilità agli inizi, lo consideriamo il titolo perfetto da giocare in compagnia sulla nuova generazione di console e non solo, un’approvazione meritata per questo atipico gioco di corse.

Ricordiamo che il gioco uscirà domani su PlayStation 4, Nintendo Switch, Microsoft Windows, Linux, Mac OS, PlayStation 5.

Ringraziamo Pixel Maniacs per il codice review del gioco.



Abbiamo parlato di:

Videogiocatore dall'infanzia, dalla fine degli anni '90, fino ad arrivare ai titoli più recenti. Dal PC alla console, una vita basata su questo mondo, appassionato di trame fitte e giochi in team.




Scrivi un commento