Retrogaming: Un Salto nel Passato – PlayStation 2, la console più venduta della storia

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
15 Luglio 2014

Bentornati a tutti i followers di Uagna.it con la nostra rubrica mensile Retrogaming: Un Salto nel Passato, che giunge al settimo appuntamento con la storia delle console che hanno lasciato un’impronta significativa nel mondo dei videogiochi.

Se vi siete persi il nostro articolo precedente potrete trovarlo qui.

Le origini di PlayStation 2

Verso la fine degli anni ’90 l’azienda giapponese Sony decise di continuare la sua avventura nel settore videoludico, grazie all’ottimo successo ottenuto dalla prima console prodotta: PlayStation. Il colosso nipponico quindi volle dare un successore a quest’ultima annunciando PlayStation 2 (PS2) il 1 marzo 1999, posizionandosi come concorrente di Sega Dreamcast, la prima console di sesta generazione ad essere rilasciata sul mercato.

Successivamente PS2 venne presentata al pubblico prima all’E3 e poi al Tokyo Game Show sempre nel 1999, durante la fiera statunitense vennero esposte due demo dimostrative sulle capacità della console, una delle quali mostrava una scena di Final Fantasy VIII. Mentre durante l’evento giapponese Sony mostrò dei gameplay di Gran Turismo 2000 (poi pubblicato come Gran Turismo 3:. A-Spec) e Tekken Tag Tournament, evidenziando ancora le capacità grafiche e la potenza della propria macchina.

PLAYSTATION-2-La nuova macchina dell’azienda giapponese aveva una forma rettangolare, di colore nero, con la parte superiore un po’ più lunga rispetto a quella inferiore, sulla parte frontale sinistra presentava 2 ingressi per il controller e 2 ingressi per le memory card, subito sotto invece erano presenti 2 porte USB e la porta iLink, che consentiva di collegare due PS2 per sfruttare alcune funzioni. Sempre nella parte frontale ma dalla parte destra vi era il tasto di accessione ed il tasto per l’entrata/uscita del lettore CD/DVD.

Nella parte posteriore invece presentava lo switch I/O, un porta Component o Scart, un porta per l’audio digitale ottico, la porta per l’alimentazione da collegare alla corrente elettrica ed un vano di espansione per inserire HDD da 3.5″, che consentiva di giocare a determinati giochi. Il logo con scritta PS2 era infine presente sulla facciata superiore della console.

Successivamente diverse varianti di colore sono state prodotte in differenti paesi tra cui: bianco ceramica, giallo chiaro, blu metallizzato (aqua), argento metallizzato, blu navy (blu stella), blu opaco (blu astrale), nero opaco (nero mezzanotte), bianco perla, viola Sakura, oro satinato, argento satinato, bianco neve, super rosso e blu trasparente (blu oceano).

Per quanto riguarda il controller DualShock 2 riprese le stesse funzionalità di base del suo predecessore, cambiando il colore della scocca, nera come la console ed aggiungendo un meccanismo di misurazione della sensibilità rispetto alla pressione dei tasti e due nuovi livelli di vibrazione, che fornivano un’esperienza più realistica e coinvolgente quando il controller vibrava.

L’arrivo sul mercato 

PlayStation 2 venne commercializzata il 4 marzo del 2000 in Giappone, il 26 ottobre negli USA ed il 24 novembre in Europa, in Italia al costo di 899 mila lire.

playstation2logoTop
Le vendite della nuova piattaforma di gioco, unita ai giochi ed accessori, portò nelle casse di Sony 250 milioni dollari il primo giorno, battendo i 97 milioni dollari effettuati al day one del Dreamcast.
I punti forti di questa nuova macchina, oltre alla potenza, furono la possibilità di leggere sia i CD-ROM sia i DVD-ROM e soprattutto la retrocompatibilità con l’intero catalogo di videogiochi della console precedente, la prima PlayStation, fattore che estese a diverse centinaia i giochi disponibili al lancio di PS2. Retrocompatibilità disponibile anche a tutti gli accessori come DualShock e Memory Card.
Inoltre con la possibilità di far girare i DVD, nuovo standard dell’epoca per la riproduzione di film, permise alla console giapponese, anche se inizialmente ebbe un prezzo di vendita alto ma simile ad un lettore DVD stand alone, di entrare in concorrenza con i prodotti home theater, diventando una valida scelta per l’intrattenimento a 360°.

PlayStation 2 partì alla grande vendendo oltre 980.000 unità in Giappone dal 5 Marzo 2000, solo un giorno dopo l’immessa sul mercato. I titoli al lancio non ebbero una qualità molto alta, però tra tutti spiccarono Tekken Tag Tournament e Ridge Racer V, nominiamo anche giochi come Midnight Club: Street Racing, Street Fighter EX3 e Timesplitters.

Tuttavia una produzione inizialmente lenta, un costo di lancio abbastanza elevato e problemi di esportazione negli altri paesi del mondo influirono negativamente e rallentarono le vendite nel primo periodo di vita della macchina di Sony. Alcuni utenti, non trovando PS2 sugli scaffali dei negozi fisici, acquistarono la console online attraverso siti di aste come eBay, disposti a pagare oltre un migliaio di dollari per averne un’unità.

Inoltre alcuni produttori e sviluppatori di videogiochi sollevarono diverse obiezioni sulla praticità del tool di sviluppo del software, Sony successivamente distribuì nuovi kit di sviluppo che soddisfarono la richiesta dei developer.

Arriva le concorrenza

Il successo di PlayStation 2 alla fine del 2000 causò problemi concorrenziali e soprattutto finanziari a Sega che a sorpresa annunciò la sospensione del Dreamcast nel marzo 2001, appena 18 mesi dopo il suo lancio.

ThreeRace_ps3xboxgamecubePS2 rimase come l’unica console attiva della sesta generazione per oltre 6 mesi, prima di affrontare l’arrivo di nuovi concorrenti: Nintendo GameCube e Microsoft Xbox. Molti analisti predirono un primo matchup a tre vie tra le console, Xbox disponeva dell’hardware più potente, mentre GameCube era la console meno costosa, inoltre Nintendo cambiò la sua politica per incoraggiare gli sviluppatori di terze parti.

PlayStation 2 in teoria aveva le specifiche più deboli dei tre, però aveva un vantaggio per il suo forte impegno da parte degli sviluppatori, così come il lettore DVD video integrato (Xbox necessitava un adattatore, mentre GameCube non li supportava). Mentre la lineup iniziale di PlayStation 2 fu considerata mediocre, le cose cambiarono nel corso del 2001 con il rilascio di diversi giochi di successo innalzando le vendite della console di Sony e tenendo al largo le sue rivali. Tra questi vi sono titoli come Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty, Final Fantasy X, Devil May Cry ,Gran Turismo 3, ICO, Grand Theft Auto 3 e Pro Evolution Soccer. 

Sony decise di tagliare il prezzo della console nel maggio 2002 da 299 dollari a 199 dollari nel Nord America, portandola allo stesso prezzo di GameCube e a 100 dollari in meno rispetto a Xbox. Successivamente effettuò un taglio di prezzo anche in Giappone.

Anche se annunciato come punto forte del monolite nero di Sony, l’online gaming nei primi anni di vita di PlayStation 2 non fu preso molto in consideranzione, anzi venne proprio lasciato in secondo piano. Questa politica cambiò dopo il lancio di Xbox, console di Microsoft che dava la possibilità di giocare partite in multiplayer online.

In concomitanza con il rilascio di Xbox Live, Sony immise sul mercato la scheda di rete PlayStation Network Adapter alla fine del 2002, insieme a diversi titoli first-party on-line come ad esempio SOCOM: US Navy SEALs per dimostrare il suo sostegno attivo per la riproduzione internet. Anche se Sony e Nintendo iniziarono tardi a dare un servizio online, e sebbene sia seguito un modello decentrato del gioco online in cui la responsabilità spettava allo sviluppatore di fornire i server, le mosse di Sony effettuate sul fronte dell’online gaming diedero un importante contributo alle vendite di PS2.

La console più venduta della storia

PS2-slim-consoleNel 2004 le vendite della console sembravano aver raggiunto il punto di saturazione di mercato, con più di 70 milioni di unità vendute

Tuttavia a settembre, in contemporanea con il lancio del gioco Grand Theft Auto: San Andreas, divenuto poi il titolo più venduto dellaconsole con 20.81 milioni di copie vendute, Sony sostituì PlayStation 2 con PS2 Slim, una “sorella minore” di dimensioni più compatte ed eleganti, con una porta Ethernet, una scheda di rete incorporata, alimentatore esterno e ricevitore infrarossi per il telecomando (già incorporato nelle ultime serie di PlayStation 2 “fat”). Visto il suo profilo sottile non disponeva del vano di espansione HDD 3.5 “, e quindi non supportava un disco rigido interno. Il colore principale rimase sempre nero, successivamente venne venduta anche di colore argento.

Inoltre arrivarono sul mercato numerose esclusive che diventarono titoli di punta della macchina di Sony, tra questi vi erano God of War, Metal Gear Solid 3: Snake Eater, Gran Turismo 4, Resident Evil 4, Okami, Kingdom Hearts, Need For Speed: Underground, Tekken 5,  Dragon Ball Z: Budokai Tenkaichi, Killzone e Sly Raccoon.

ps2-memoriam-

La mossa effettuata da Sony, in aggiunta a questi titoli di ottima qualità, si rivelò vincente e contribuì a spingere ulteriormente le vendite, fino a sfondare il tetto delle 140 milioni di unità.

Nel 2007 in Giappone, e nel 2008 in Europa, l’azienda nipponica decise di rilasciare anche una seconda versione di PlayStation 2 Slim. Con finiture lucide simili a quelle di PlayStation 3, la nuova Slim presentava dimensioni leggermente ridotte ed era dotata di un alimentatore interno.

La console (in versione slim) è rimasta in produzione fino al 28 dicembre 2012, ricevendo un supporto significativo da parte di Sony e di alcune software house. Infatti la console in paese del Medio oriente e del Sud America è ancora molto richiesta, tanto che gli ultimi giochi prodotti per questa console sono proprio FIFA 14 e PES 2014 ed inoltre è ancora possibile acquistare tutt’ora una PS2 sul sito ufficiale di Sony e nei negozi GameStop.

Fino al 16 novembre 2013, sono state vendute 157.68 milioni di unità, rendendo PlayStation 2 la console più venduta della storia.

Accessori e periferiche

Vennero prodotti diversi accessori per PlayStation 2 durante il suo ciclo di vita, tra questi vi erano un telecomando denominato PS2 DVD Remote Control, dotato di un ricevitore ad infrarossi da collegare alla console, utile soprattutto per la visione di film in DVD; un nuovo modello di Memory Card che consentiva di salvare i progressi dei giochi fino a 8 MB di memoria; vi era anche una versione rinnovata del Multitap, con forma rettangolare e di colore nero, che consentiva di espandere il numero di giocatori da 4 a 8, collegandone due.

PS2-EyetoyL’EyeToy era un nuovo accessorio progettato appositamente per PS2, si trattava di una videocamera digitale a colori che usando la visione computerizzata, processava le immagini, permettendo ai giocatori di interagire nei giochi tramite movimenti, colori e suoni, grazie al microfono incorporato. Altro accessorio era il microfono da usare con il gioco Singstar, che consentiva di cantare in stile karaoke seguendo i testi delle canzoni presenti sullo schermo, senza contare la chitarra per usare i vari titoli Guitar Hero; altra periferica per il gioco in gruppo era  la pulsantiera inclusa con il gioco a quiz Buzz! Vi erano anche 2 stand denominati Vertical Stand e Horizontal Stand per sostenere la console rispettivamente nella posizione verticale ed orizzontale. Disponile anche un set di cuffie e microfono (piccolo) per comunicare online, una tastiera ed un mouse USB.

Caratteristiche hardware

Di seguito vi elenchiamo le le caratteristiche hardware di PlayStation 2:

  • PS2-SCPH-30001-MotherboardCPU: Processore Emotion Engine da 10 Milioni e mezzo di transistor; Core a 128 Bit stabilizzato ad una frequenza di clock di 294 MHz (versione laser 300 MHz); 16KB cache di primo livello; 24KB cache di secondo livello. Performance complessiva: 6,2 GigaFLOPS.
  • GPU: Processore Graphics Synthetizer @147 MHz; DRAM Embedded di 4 MB / Bandwidth @48 GB/s; Rendering grafico di picco pari a 146 milioni di poligoni al secondo; Unità vettoriale 0: 66 milioni di poligoni; Unità vettoriale 1: 80 milioni di poligoni; Ombreggiatura a 16 Shaders di tipo unificato; Fillrate in pixel da 2,35 gigasamples al secondo.
  • Memoria RAM: 32 MByte RDRAM; System Bandwidth @3,2 GB/s.
  • Suono: “SPU1+SPU2” Canali: 48 canali hardware di ADPCM su SPU2 più canali; Sampling Frequency: 44.1 kHz or 48 kHz (selezionabile).
  • Unità Disco: CD: 24x PlayStation CD-ROM, PlayStation 2 CD-ROM, CD-DA, CD-DA (ROM), CD-R, CD-RW, SACD, SACD Hybrid (CD layer), SACD HD, DualDisc, DualDisc (audio side), DualDisc (DVD side)
    DVD: 4x PlayStation 2 DVD-ROM, DVD-Video, DVD-ROM, DVD-R, DVD-RW, DVD+R, DVD+RW con protezione anticopia. Non è compatibile con il formato video Divx (AVI).
  • Uscite Audio/Video: SCART: 480i/480p (NTSC) – 576i/576p (PAL/SECAM); Video composito: 480i/480p (NTSC) – 576i/576p (PAL/SECAM) 720p – 1080i.

Conclusione

Sony con PlayStation 2 si affermò definitivamente nel mondo videoludico, non solo superando il successo ottenuto con la console primogenita, PlayStation, ma addirittura rendendola la console più venduta della storia con più di 150 milioni di unità distribuite in 12 anni di onorato servizio. Senza contare i numerosi capolavori sfornati dall’azienda giapponese, God of War, MGS3, GTA San Andreas, Final Fantasy X, solo per fare alcuni esempi, ma la lista sarebbe molto più lunga. lunga come la scia di ricordi che questa console genera nella mente di ogni videogiocatore, ogni volta che si sente pronunciare il suo nome.



Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.