Sony, Microsoft e Nintendo insieme per una partnership a difesa dei giocatori

Di Andrea "Geo" Peroni
14 Dicembre 2020

Inizia oggi una nuova pagina dell’era della collaborazione e del rispetto reciproco tra i grandi colossi dell’intrattenimento.

Microsoft, tramite il suo blog ufficiale, ha annunciato di aver stretto una partnership con Sony e Nintendo per la difesa dei giocatori, e per impedire che l’esperienza di una comunità nel mondo dei videogiochi possa essere sana e priva di spiacevoli risvolti.

Si tratta di un notevole e apprezzatissimo passo avanti per la salute dei videogiochi: i tre colossi di PlayStation, Xbox e del mondo Nintendo si stringono quindi metaforicamente la mano, per mettere al centro la difesa dei videogiocatori.

In Xbox, siamo allineati sia con Nintendo, a nome della comunità dei giocatori di Nintendo Switch, sia con PlayStation, nella nostra convinzione che la protezione dei giocatori online richieda un approccio multidisciplinare, che combini i vantaggi di tecnologia avanzata, una comunità solidale e personale qualificato. Possiamo ottenere di più quando lavoriamo per lo stesso obiettivo, quindi ognuno di noi continuerà a investire, evolvere e amplificare i nostri approcci alla sicurezza degli utenti. Mentre continuiamo questo lavoro, daremo la priorità alla protezione della sicurezza dei nostri giocatori, specialmente di quelli più vulnerabili.

L’accordo estenderà la priorità di Microsoft, Sony e Nintendo per la salvaguardia dei giocatori, come ci spiega questo importante passaggio del post di Xbox nel quale i tre colossi siglano una sorta di contratto di fiducia con la community, per garantire esperienze migliori.

Partnership: ci impegniamo a collaborare con il settore, le autorità di regolamentazione, le forze dell’ordine e le nostre comunità per promuovere la sicurezza degli utenti.

  • L’impegno del settore per la sicurezza è centrale. Crediamo di avere l’opportunità di collaborare a vantaggio dell’industria dei videogiochi e di tutti i giocatori per offrire un’esperienza di gioco più sicura.
  • Collaboriamo con organizzazioni commerciali del settore, membri del settore, autorità di regolamentazione, forze dell’ordine ed esperti per sviluppare e promuovere iniziative di sicurezza online.
  • Ci impegniamo a condurre ricerche condivise a vantaggio del settore.
  • Crediamo che l’odio, le molestie o lo sfruttamento dei giocatori più giovani non abbiano in alcun modo posto nei giochi. Collaboriamo con la nostra comunità per promuovere comportamenti di gioco sicuri e incoraggiare l’uso di strumenti di segnalazione per denunciare i cattivi attori.
  • Collaboriamo con agenzie di rating come ESRB e PEGI per garantire che i nostri giochi siano classificati per il pubblico appropriato.

Un punto sul quale i tre colossi lavoreranno molto da vicino non è solo quello di migliorare l’ordine, ma anche rendere Xbox, PlayStation e le piattaforme Nintendo le più sicure e meno tossiche per tutti i videogiocatori.

Responsabilità: ci riteniamo responsabili di rendere le nostre piattaforme il più sicure possibile per tutti i giocatori.

  • Facciamo in modo che i giocatori possano segnalare facilmente le violazioni del nostro codice di condotta e, oltre a rimuovere i contenuti, intraprendiamo misure di applicazione appropriate per le violazioni, inclusa la limitazione dell’utilizzo dei nostri servizi per cattiva condotta da parte dei giocatori.  
  • Rispettiamo tutte le leggi locali e risponderemo a tutte le richieste legittime delle forze dell’ordine. Informiamo tempestivamente le forze dell’ordine se osserviamo comportamenti illegali o laddove riteniamo che un giocatore sia a rischio di danni imminenti. 
  • Pubblichiamo le nostre regole e requisiti e ci assicuriamo che i giocatori che sono stati segnalati comprendano i requisiti per un coinvolgimento continuo con le nostre piattaforme.

Non possiamo fare altro che fare un applauso per la decisione dei tre grandi dell’industria, uniti oggi più che mai in una lotta importantissima.

Fonte

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di: | | | |

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento