Marvel Cinematic Universe | Certezze e ipotesi sul post Avengers: Endgame

Di Andrea "Geo" Peroni
2 Aprile 2019

Tra circa un mese, il Marvel Cinematic Universe che conosciamo, con buona probabilità, cesserà di esistere. O comunque, gran parte degli eroi che abbiamo imparato a conoscere e amare in questi 11 anni di attività dei Marvel Studios saranno pronti a salutarci, forse per sempre, per lasciare spazio a nuovi personaggi, nuove storie, nuove passioni.

Possiamo quasi dire che Avengers: Endgame sarà il primo vero grande punto di svolta per il MCU, che potrebbe ritrovarsi a dire addio a quelli che sono stati i personaggi più importanti che hanno sorretto l’intero universo in questi anni. Non conosciamo ancora il loro destino, ma le voci su un addio ai vari Iron Man, Thor, Captain America, Hulk, Hawkeye e Vedova Nera si fanno sempre più insistenti. Non stiamo affermando che tutti loro saranno condotti verso un atroce destino, ma il pensionamento, dopo tanti anni di onorata carriera, è dietro l’angolo.

Per la prima volta nella storia del MCU, il post-crossover sugli Avengers è un grande interrogativo. La Fase 2 venne ufficializzata poco dopo il grande successo di The Avengers, nel 2012, mentre la Fase 3 venne svelata interamente addirittura con largo anticipo, nel 2014, quando per la prima volta si parlò del mega progetto Avengers: Infinity War. Questa volta, però, Kevin Feige, boss dei Marvel Studios, ha optato per un rigoroso (quasi) silenzio, per lasciare che il pubblico vada in sala a godersi Avengers: Endgame senza aspettarsi nulla di scontato. Certo, qualcosa di scontato ci sarà, ainoi, ma possiamo affermare che un buon 75% del film sia un’incognita grossa quanto un macigno.

Proprio per questo fare ipotesi sul futuro del MCU dopo il 2019, oggi, è molto difficile. Possiamo però provarci, ed è quello che faremo oggi, cercando di restare fedeli alle poche certezze che abbiamo dalle parole di Feige e dagli indizi che abbiamo avuto dai più recenti film. Perché il MCU, a detta di Disney, continuerà ancora per moltissimi anni, e le storie da raccontare sono ancora tante…

I RITORNI

La tabella di marcia dei Marvel Studios dopo Avengers: Endgame non è ancora stata ufficializzata, ma sicuramente è stata decisa. L’unico film per il momento certo di una release è Spider-Man: Far From Home, in arrivo a luglio, che riporterà in scena Tom Holland nei panni di Peter Parker supportato da Nick Fury (Samuel L. Jackson), Maria Hill (Cobie Smulder) e la new-entry Mysterio (Jake Gyllenhaal), il cui colpo di scena sembra una delle cose più scontate mai viste al cinema. A parte questo, il film sembra un chiaro indizio del ritorno di Spider-Man dopo la Decimazione di Thanos in Infinity War insieme a molti (forse non tutti) altri eroi, ma non è detto. C’è chi ipotizza timeline alternative, chi parla di prequel rispetto agli ultimi avvenimenti. La realtà è che del film targato Sony e Marvel Studios sappiamo poco, ma il suo tempismo, non certo tra i migliori, potrebbe aver rovinato qualche sorpresa.

Come detto, Spider-Man: Far From Home è l’ultimo film del MCU che oggi ha una data di uscita. Dopo luglio 2019, il pubblico si prenderà probabilmente una pausa, forse anche di un anno intero, a meno che i Marvel Studios non abbiano iniziato in gran segreto qualche nuovo progetto. E qui ci lanciamo nel campo dei progetti già confermati ma che non hanno ancora avuto inizio. Il più urgente in casa Marvel, secondo i rumor, sembra essere il film stand-alone dedicato a Vedova Nera, il personaggio interpretato da Scarlett Johansson in ben 6 film e che sarà un prequel delle vicende dell’agente dello S.H.I.E.L.D., forse antecedenti addirittura al suo film d’esordio, Iron Man 2. Il pubblico ha dimostrato di essere favorevole ad un film incentrato su una supereroina (Captain Marvel ne è l’esempio più recente, ma anche Wonder Woman è stato un grande successo), e il personaggio di Scarlett Johansson è sempre stato uno dei più apprezzati: giusto darle una grande possibilità, e ci piacerebbe che nel film venisse incluso anche Jeremy Renner e il suo Occhio di Falco, che merita il suo giusto palcoscenico “privato”.

Tra i progetti certi, inoltre, ci sono alcuni sequel già pianificati. Scott Derrickson tornerà dietro alla macchina da presa per Doctor Strange 2 (se questo sarà il titolo) dopo il buon successo del primo film nel 2016, c’è inoltre la certezza su un film dedicato a Shang-Chi, mentre Ryan Coogler aspetta solo il via per le riprese del sequel di Black Panther. Il film non è stato solamente un enorme successo al botteghino (è stato il primo film non dedicato agli Avengers originali del MCU a superare il miliardo di dollari al box office), ma è stato anche un oggetto di enorme dibattito nei mesi scorsi, e ha inoltre fatto portare a casa ai Marvel Studios i primi tre Premi Oscar della sua storia. Impossibile che Feige non dia l’ok al film, anzi la questione non si pone neppure: Black Panther 2 si farà, resta solo da capire quando questo accadrà. Stessa situazione nella quale si trova Guardiani della Galassia Vol. 3, che ha da poco ritrovato il suo uomo simbolo James Gunn assunto nuovamente dalla Disney dopo il licenziamento la scorsa estate. Il problema qui, più che il via libera dai Marvel Studios, riguarda gli impegni di Gunn: il regista, che non è rimasto con le mani in mano, si è accordato con Warner Bros. per dirigere il reboot di Suicide Squad (sì, sarà un reboot e non un sequel, ma a quanto pare ci sarà ancora Margot Robbie nei panni di Harley Quinn… Misteri!), e ha già affermato che si dedicherà prima a questo progetto prima di tornare sui Guardiani. È probabile che, almeno fino al tardo 2021, non rivedremo l’improbabile team spaziale al cinema insieme ad uno dei personaggi più attesi da tutti che debutterà proprio in quell’occasione: Adam Warlock.

Non ci sono notizie, invece, su un possibile ritorno di Ant-Man e Wasp con un terzo film, dopo il tiepido successo del secondo capitolo (anche in termini di critica e pubblico), ma è possibile che Feige dia a Peyton Reed la possibilità di concludere la sua trilogia personale. Ant-Man and the Wasp ha inoltre introdotto il Regno Quantico, che stando proprio alle parole di Feige sarà molto importante per il futuro del MCU, quindi dare la possibilità al duo di esplorarlo in maniera massiccia potrebbe essere l’occasione per dare la svolta al fin troppo leggero franchise.

È infine ancora troppo presto per pronunciarsi su un sequel di Captain Marvel, ma parlaimoci chiaro: in meno di due settimane il film ha raccolto quasi 800 milioni di dollari, e il miliardo è praticamente scontato a questo punto. Il film è piaciuto al pubblico, Brie Larson è una Carol Danvers perfetta, e Avengers: Endgame farà da ulteriore trampolino di lancio per quella che potrebbe essere la figura centrale dei Vendicatori nel prossimo futuro. Inoltre, come specificato da Kevin Feige alcuni giorni fa, la questione sui sequel del film è già stata discussa da Marvel. La guerra tra Kree e Skrull, che abbiamo visto in Captain Marvel, sarà il filone narrativo principale della sua serie, e non è detto che potrebbe avere pesanti ripercussioni anche sui crossover (qualcuno ha detto Secret Invasion? No? Beh, lo dico io: bramo Secret Invasion!). Insomma, anche per Captain Marvel si attenderà probabilmente il grande atto finale di Endgame per poi annunciare un sequel che sembra più che certo.

Spider-Man, Black Panther, Captain Marvel, Strange e (forse) Ant-Man e Wasp. I Nuovi Vendicatori, in effetti, potrebbero essere proprio questi, i personaggi cioè chiamati a raccogliere la pesantissima eredità degli Avengers originali. Non sarà facile, ma le premesse sono molto buone, e sembra chiaro che i Marvel Studios abbiano deciso di puntare su di loro.

SORPRESE

Non solo su di loro, però, perché Feige e i suoi hanno in mente grandi piani per il MCU. Un universo che si farà sempre più cosmico, a giudicare dall’intenzione (o più che un’intenzione, dato che il progetto è ormai certo da mesi) di dar vita ad un film dedicato agli Eterni. La razza superiore terrestre, creata dai Celestiali millenni fa e in perenne lotta con i Devianti, è la new-entry del MCU più quotata, ed è ovviamente figlia del grande successo dei Guardiani della Galassia di Gunn. Gli Eterni sono personaggi poco conosciuti dal grande pubblico, al pari dei Guardiani, e Feige ha già affermato più volte di essere intenzionato a portare sul grande schermo progetti interessanti e legati magari a personaggi secondari. La razza in questione, inoltre, ha già legami con le storie che conosciamo. Thanos, figlio di Sui-San e Alars (menzionato da Teschio Rosso in Avengers: Infinity War) è, udite udite, un Eterno. Una storia sulle origini degli Eterni potrebbe essere il preludio ad un racconto delle origini di Thanos, e questo, a noi, garba assai. Il cast non è ancora deciso, ma negli ultimi giorni si è parlato di un possibile coinvolgimento di un gigante di Hollywood, Angelina Jolie. A proposito di rumor sui casting futuri, i fratelli Russo si sono lasciati recentemente sfuggire che Priyanka Chopra sia pronta ad entrare nel MCU con un ruolo top secret. Quale sarà?

Ma non possiamo dimenticare ovviamente la grande rivoluzione dell’intrattenimento, avvenuta con l’acquisizione del secolo. Il 20 marzo Disney ha infatti assorbito una quantità spropositata di proprietà intellettuali prima in mano a 20th Century Fox, tra le quali figurano tutti i diritti legati a X-Men e Fantastici 4. Impossibile, davvero impossibile, non pensare che Kevin Feige e il suo team di creativi si siano già messi all’opera da molti mesi per inglobare i personaggi nel MCU, che diventerebbe ancor più simile alla controparte a fumetti e accoglierebbe alcuni storici esponenti. In questo senso, un reboot dei Fantastici 4 per farli entrare nel MCU potrebbe essere la priorità tra le novità.

Il film diretto da Josh Trank, nel 2015, è stato uno dei più grandi flop della storia dei cinefumetti, e il pubblico, fortunatamente, vuole solo dimenticare questo minestrone di pessime idee e cattiva gestione (pensate che durante le riprese aggiuntive venne proprio cambiata la trama di alcuni personaggi). La famiglia più anziana della Casa delle Idee merita un grande film, e l’approdo nel MCU sarebbe accolto da chiunque positivamente, e non è detto che un piccolo “teaser” sul loro ingresso in campo non sia già stato dato (la Avengers Tower venduta da Stark potrebbe diventare il Baster Building…). Nell’attesa di sapere se e quando il film arriverà (anzi, togliamo il se), facciamo un po’ di fantacasting: Emily Blunt come Susan Storm, John Krasinski come Reed Richards e Zac Efron come Torcia Umana, più magari un bel Dwayne The Rock Johnson come Cosa. L’ideale, vero?

Le considerazioni sugli X-Men, invece, sono più difficili, semplicemente per un fatto di tempismo. Quest’anno uscirà infatti X-Men: Dark Phoenix, l’ultimo capitolo della serie iniziata con L’Inizio (anche se sarebbe iniziata con X-Men nel 2002, anche se la timeline poi è andata a quel paese, anche se gli attori sono gli stessi… Non s’è più capito niente ad un certo punto!), ed è da escludere un inserimento di questi personaggi nel MCU. Basti pensare al fatto che avremmo due Quicksilver, cosa che cozza con la continuity, ma anche semplicemente al fatto che nel mondo del MCU non si è mai parlato di Mutanti nonostante questi, nella saga degli X-Men, siano in circolazione dagli anni ’60 almeno. Penso però che i Marvel Studios, prima di resettare il tutto e introdurre gli X-Men, attenderanno un po’ di tempo e cercheranno di capire come far funzionare al meglio il tutto. Questo intanto per non affrettare l’evolversi del MCU, che con i nuovi arrivi avrà tanti nuovi anni di storie e personaggi davanti. E poi, banalmente, per il numero di personaggi in gioco: i Mutanti di casa Marvel sono davvero tantissimi, e il rischio confusione è molto alto. Giusto lasciarli riposare (il pubblico non è così desideroso di rivederli tanto presto), in attesa anche di capire cosa accadrà al misterioso New Mutants nato con l’idea di dar vita ad un nuovo sub-franchise e invece ritrovatosi praticamente morto prima della release.

E a proposito di mutanti… Deadpool? Sappiate che il suo destino è già chiaro, e siamo felici di quanto è stato deciso. I due film con Ryan Reynolds sono stati un grande successo, e grazie alla libertà totale che Fox ha concesso al team creativo. Sembra che Disney non abbia intenzione di cambiare le carte in tavola: Deadpool 3 si farà, e sarà nuovamente vietato ai minori, ma questo escluderà il personaggio dal MCU. O comunque dal racconto canonico dell’universo al quale siamo abituati. Del resto, Deadpool è l’unico personaggio consapevole del fatto che si trovi in un film, e nella sua metanarrazione potrebbe essere perfetto lasciarlo in disparte per sfruttare appieno la sua irriverenza e la sua particolare caratterizzazione.

In attesa di scoprire cosa hanno in serbo i Marvel Studios con Avengers: Endgame e con il futuro del MCU, questo è tutto quello che sappiamo sui prossimi film che ci attendono. Chissà che l’ipotetica Fase 4, se così verrà chiamata, non porti sul grande schermo qualche altra grande novità, come un Namor, o un Nova. O, perché no, subito un nuovo Wolverine…



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.