Arrivano i controlli anti-doping negli eSports

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
23 Luglio 2015

In seguito all’intervista di Kory “Semphis” Friesel, pro-player di Counter Strike: GO, in cui ammetteva l’uso personale e del suo team dello psicofarmaco stimolante Adderall, sembra che siano già iniziati i primi cambiamenti nel settore dell’eSports.

cs-go-championshipInfatti l’ESL (Electronic Sports League) ha da poco annunciato che presto i i giocatori che parteciperanno da eventi competitivi, dovranno sottoporsi a controlli e test anti-doping.

Al momento però l’annuncio è stato dato senza alcun dettaglio, infatti non si sa con certezza quali saranno i metodi con cui si effettueranno i controlli e soprattutto non si conoscono ancora quali sostanze saranno proibite.

Il lato positivo è che le istituzioni non sono rimaste a guardare, e hanno deciso subito di cambiare le cose, in un settore sempre più in ascesa, che ogni anno riempie di denaro le tasche degli organizzatori e dei giocatori che vincono questi eventi.

Restate sintonizzati su Uagna.it per ulteriori news a riguardo.



Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.