Call of Duty 2021, spunta una prima data di uscita e nuovi rumor sullo sviluppo

Di Andrea "Geo" Peroni
3 Gennaio 2021

Call of Duty: Black Ops Cold War deve ancora compiere 2 mesi di vita, ma, come da tradizione, gennaio porta sempre con sé anche i primi rumor intorno al prossimo capitolo della serie. È già tempo di parlare di Call of Duty 2021.

L’insider Tom Henderson, più volte rivelatosi affidabile in passato – fu uno dei primi a dare le notizie su Modern Warfare 2 Campaign Remastered, e anticipò il ritorno di Alcatraz su Call of Duty: Warzone – ha diffuso quelle che sono a tutti gli effetti le nuove indiscrezioni riguardanti il prossimo capitolo della serie di Call of Duty.

Naturalmente, prima di analizzare i rumor, vi ricordiamo che si tratta di informazioni non ufficiali, e che dunque potrebbero essere false. In passato però questo insider si è rivelato essere affidabile, e dunque le informazioni che arrivano dai suoi social hanno un certo richiamo.

Leggi anche: Modern Warfare 3 Campaign Remastered è in arrivo?

Henderson ha pubblicato quella che potremmo definire la timeline della serie principale di Call of Duty dell’ultimo anno – escludiamo dunque gli spin-off COD Mobile e COD Warzone (avete letto le pesanti dichiarazioni di un pro player che ha “smontato” il gioco definendolo come non competitivo?).

Da questa linea del tempo, sembra evidente che l’insider confermi ciò che è stato rumoreggiato in più occasioni lo scorso anno: lo sviluppo di Black Ops Cold War, ad opera di Treyarch e Raven, è iniziato nel maggio 2019, e dunque la software house di Santa Monica ha avuto solo poco più di un anno per sviluppare da zero il gioco uscito da pochi mesi. Questa potrebbe essere una spiegazione, come del resto già sapevamo dai famosi report di Kotaku dell’estate 2019, ai vari problemi che affliggono il gioco, con bug già segnalati su Black Ops 4 e che sono nuovamente presenti.

L’insider segnala poi che a settembre 2020 Infinity Ward, concluso il supporto a Modern Warfare, ha dato il via ai lavori sul gioco che, presumibilmente, uscirà nel 2022. Al momento, quindi, Infinity Ward è “fuori dai giochi”.

La conferma più importante riguarda Call of Duty 2021, e in particolare Sledgehammer Games. Secondo l’insider, sarà Sledgehammer Games a occuparsi dello sviluppo del nuovo capitolo della serie, cosa che viene ipotizzata già da molti mesi. La software house, che si è occupata di Advanced Warfare e Call of Duty: WWII, avrebbe iniziato i lavori sul gioco nell’agosto del 2019, e sempre secondo i rumor potrebbe trattarsi del primo Call of Duty interamente free to play per console e PC. Proprio pochi giorni fa, inoltre, Slegdehammer Games ha annunciato di aver assunto moltissimi nuovi sviluppatori nel corso del 2020, e di essere al lavoro su più progetti.

Nella timeline proposta dall’insider spunta inoltre anche la presunta data di uscita di Call of Duty 2021 (titolo ovviamente non definitivo): 12 novembre 2021.

Nessuna informazione invece per quanto riguarda la possibile ambientazione o il tema del gioco – alcune indiscrezioni delle scorse settimane suggerivano la possibilità di un Call of Duty: Advanced Warfare 2, ma la pista si è raffreddata molto velocemente.

Cosa ne pensate? Sareste contenti di rivedere Sledgehammer Games all’opera su Call of Duty? E quale gioco della serie vorreste vedere nell’autunno del 2021?



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento