Come uccidere Amygdala – Bloodborne

Di Marco "Bounty" Di Prospero
13 Aprile 2015

Amygdala è probabilmente il boss più grande che avete trovato fino ad ora. Ma non temete, seguendo i nostri consigli, riuscirete a farlo fuori in men che non si dica. Iniziamo col dire che il punto di forza di Amygdala, è il fatto di potervi colpire da lunga distanza, grazie alle sue braccia. Tuttavia, le braccia, insieme alla testa, sono i suoi punti deboli. Una volta iniziato lo scontro, dovrete recarvi immediatamente vicino alle sue gambe, dove potrete evitare gran parte dei suoi colpi (tenete conto però che, se vi trovate sotto di lui, il boss cercherà di calpestarvi, per cui fate attenzione a questo attacco). Come detto, dovrete cercare di colpire le braccia e la testa del boss, evitando di colpire le gambe e la coda, in quanto il danno che gli farete, sarà molto basso.

Bloodborne™_20150401194913

Essendo un boss molto grande, è consigliabile utilizzare un’arma lunga (come la spada sacra di Ludwig), in modo da poter colpire meglio i suoi punti deboli. Oltre a colpirvi con i suoi arti, il boss lancerà anche una sorta raggio laser, che, tuttavia, è facilmente schivabile. L’attacco in questione, costringerà Amygdala ad abbassare la testa, per cui dovrete essere veloci a schivare il raggio e a colpire la testa. Inoltre, sempre colpendo la testa del boss con un’arma da fuoco, lo stordirete facendolo accasciare a terra; così facendo avrete la possibilità di colpirlo più volte senza che esso risponda ai vostri attacchi. Quando il boss avrà poco meno di metà vita, si staccherà due braccia, in modo da aumentare il raggio dei suoi attacchi. Continuando a rimanere sotto le sue gambe però, non avrete alcun tipo di problema contro il suo nuovo pattern d’attacco. Colpite ripetutamente testa e gambe e riuscirete ad uccidere definitivamente Amygdala.



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.