Ghost Recon: Breakpoint – Guida alle classi

Di Marco "Bounty" Di Prospero
18 Ottobre 2019

Ghost Recon Breakpoint è il nuovo titolo della serie creata e sviluppata da Ubisoft. Rispetto al precedente Wildlands, Breakpoint ha inserito nuove interessanti meccaniche. Tra queste, troviamo una maggior specializzazione dei Ghost grazie ad un sistema di classi ben studiato. In particolare, il giocatore può scegliere tra quattro diverse classi, ognuna delle quali gode di abilità passive e speciali uniche. La domanda che verrebbe da farsi subito è quale sia la classe migliore da utilizzare. In realtà, il quesito che dovremmo porci è quale classe più si adatta al nostro stile di gioco. Nonostante questo, il titolo vi permette di cambiarle infinite volte, accedendo ad uno dei tanti bivacchi presenti sulla mappa. Vi presentiamo dunque una guida alle classi di Ghost Recon Breakpoint, consigliandovi quale scegliere in base a come volete decidere di giocare.

Medico da Campo

Il Medico da Campo è probabilmente la classe più scontata di Breakpoint, ma, allo stesso tempo, una delle più utili sia in solo che in co-op. Oltre a rianimare se stessi, il medico può rianimare i compagni in minor tempo e dalla distanza, grazie ad uno specifico drone. Tra il suo equipaggiamento troviamo anche un medi-kit che, se assunto, aumenta di una tacca la nostra salute o quella dei compagni (oltre a rimuovere gli infortuni senza bisogno di utilizzare le fasciature). Medico da Campo ben si adatta a chi vuole essere di supporto alla squadra. Tuttavia, il fatto di poter rianimare se stessi, rende la classe utile anche in solo, così da avere una seconda possibilità in caso di morte.

Assalto

Assalto è la classe perfetta per chi ama l’azione e vuole combattere in prima linea. La classe vi rende dei Tank grazie all’abilità “Grinta“, la quale aumenta la resistenza ai danni e riduce sensibilmente il rinculo delle armi. Tra l’altro, all’aumentare dei nemici uccisi, aumenterà anche la durata dell’abilità. Tra l’equipaggiamento della classe, troviamo una speciale granata a gas che, una volta lanciata, causerà danni ad area. Ciò vi permette di rallentare l’avanzata nemica e studiare, da soli o in co-op, una strategia da adottare. Assalto dona anche salute extra e migliori prestazioni di fucili d’assalto e fucili a pompa.

classi breakpoint

Pantera

Se amate uccidere il nemico silenziosamente ed utilizzando un approccio stealth, Pantera è la classe che fa al caso vostro. Nel caso doveste essere scoperti non preoccupatevi: l’abilità “Fuga Improvvisa” vi permette di lanciare un fumogeno e sparire dalla vista nemica per un breve periodo di tempo. Ciò vi consentirà di trovare un nascondiglio facendo perdere le vostre tracce. Nel caso in cui vi troviate faccia a faccia con dei droni, potrete sempre equipaggiare degli spray di occultamento. In questo modo sarete invisibili ai loro occhi, passando inosservati. Per quanto riguarda i bonus passivi, Pantera gode di maggiore velocità di movimento e di maggior salute. Tra le altre cose, danni di pistole e mitra non vengono ridotti pur utilizzando un silenziatore.

Tiratore

Ultima non per importanza la classe Tiratore, adatta a chi vuole partecipare alla battaglia dalla distanza, evitando scontri diretti. In altre parole, la classe è dedicata ai cecchini. Oltre a mantenere il respiro per più tempo, stabilizzando la mira, il Tiratore gode di bonus passivi utilizzando DMR e fucili di precisione. Considerando che un cecchino deve essere letale, l’abilità speciale “Spaccacorazza“, aumenta danni e gittata dei proiettili, oltre a migliorarne le capacità di perforazione. Utile, come supporto, il lanciasensori, accessorio che, una volta posizionato, segna i nemici presenti in un’area circoscritta.

Queste dunque le quattro classi presenti in Ghost Recon Breakpoint. Non vi resta che scegliere la vostra preferita e scendere in campo. Per maggiori informazioni, potete consultare i 10 nostri consigli per iniziare a giocare a Ghost Recon Breakpoint.



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.