Kena: Bridge of Spirits, gli sviluppatori non credono che ci sarà un sequel

Di Andrea "Geo" Peroni
6 Settembre 2021

È qualcosa che sentiamo di rado al giorno d’oggi, in un mondo in cui l’idea di franchise e di capitalizzare un’IP il più possibile la fa spesso da padrona: Kena: Bridge of Spirits potrebbe non avere un sequel, e sono gli stessi sviluppatori ad affermarlo.

Dopo più e più rinvii, l’ultimo poco più di un mese fa nello stupore generale, Kena: Bridge of Spirits è pronto al debutto su PS4, PS5 e PC. Il gioco di Ember Lab sarà disponibile a partire dal 21 settembre, e promette di stupire per la sua dolcezza. Sin dalla prima apparizione, Kena si è infatti ritagliata un buon seguito, grazie alla grafica che ricorda le produzioni animate di Pixar e il gameplay action in terza persona che sembra richiamare alcuni grandi esponenti quali Horizon e God of War.

Come riporta la pagina del gioco su PS Store:

La protagonista è Kena, giovane Guida degli Spiriti arrivata in un villaggio abbandonato, alla ricerca del sacro santuario di montagna. Si sforzerà di scoprire i segreti di questa comunità dimenticata, nascosta in una foresta selvaggia dove sono intrappolati spiriti erranti.

In un’intervista con SoulVision Magazine, i co-fondatori dello studio indipendente Mike e Josh Grier hanno parlato dei loro piani per il futuro di Kena e del suo mondo accattivante. I creatori, in maniera abbastanza sorprendente, hanno espresso dubbi circa lo sviluppo futuro di un potenziale sequel di Kena: Bridge of Spirits, affermando invece che preferirebbero realizzare “un’altra IP con lo stesso stile in termini di gameplay ed esperienza basata sulla trama”.

Il viaggio di Kena, però, potrebbe non limitarsi al gioco in uscita tra pochi giorni, perché gli sviluppatori stanno pensando addirittura a possibili serie TV e film con la giovane eroina come protagonista.

“Non so se faremo un seguito diretto,” ha risposto Josh Grier, affermando però che gli sviluppatori sono interessati ad esplorare il nuovo mondo di Kena in diversi mezzi creativi oltre ai videogiochi. “Esplorarlo e portarlo in un’esperienza più lineare come uno show televisivo o un film è una possibilità”, ha aggiunto Josh.

Potete rivedere qui uno degli ultimi spot di Kena: Bridge of Spirits. È poi altamente probabile un’apparizione del gioco al PlayStation Showcase che si terrà tra pochi giorni, e che ovviamente seguiremo in diretta portandovi tutti gli aggiornamenti in tempo reale.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento