Banjo-Kazooie – Nuove conferme sulla presenza all’E3

Di Andrea "Geo" Peroni
3 Giugno 2019

Dopo alcune settimane di silenzio, prende piede prepotentemente la voce che vedrebbe il grande duo di Rare pronto al ritorno.

Forse i più giovani di voi non conosceranno Banjo-Kazooie, una straordinaria serie platform creata da Rare al tempo di Nintendo 64. Capace di rivaleggiare qualitativamente con sua maestà Super Mario 64, Banjo-Kazooie riscosse un grande successo, tanto da dare il via ad una serie con i vari Banjo-Tooie, Banjo-Kazooie: La vendetta di Gruntilde e Banjo Pilot.

Dopo l’acquisizione di Rare da parte di Microsoft, i due personaggi cercarono di riprendere la via del successo con il racing game Banjo-Kazooie: Nuts and Bolts nel 2008, che però non riuscì a restituire all’iconico duo la patina dorata di un tempo. Anzi, il gioco non andò affatto bene, e da allora Rare si è dedicata a progetti completamente diversi come Sea of Thieves.

Sembra però che Microsoft abbia qualche grossa sorpresa in serbo per la serie. Nelle scorse settimane, la famosa produttrice di figure First 4 Figures affermò infatti di essere stata invitata da Rare per l’E3 2019, proprio poco dopo aver svelato le statuine dedicate sia a Conker, altro famoso prodotto della software house, sia a Banjo-Kazooie. Le prime speculazioni parlavano proprio di un annuncio a tema Banjo-Kazooie per l’E3, e a queste recentemente si aggiunge un nuovo importante indizio.

Exquisite Gaming, un’altra famosa azienda specializzata nel merchandise, ha infatti postato un tweet molto interessante nel quale afferma che:

Non vediamo l’ora di riportare indietro Banjo, non manca molto all’annuncio ufficiale!

Una dichiarazione che lascia poco all’imaginazione, e molto al desiderio che si sta avverando. Banjo-Kazooie, a questo punto, potrebbe essere davvero protagonista del palco dell’E3, magari con l’annuncio di un nuovo capitolo inedito o del remake, sulla scia di quanto accaduto a Crash Bandicoot e Spyro, del primo celebre capitolo del 1998.

Voi quale preferireste?

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.