Kojima e il clamoroso indizio: lavora a Silent Hill e presto lo annuncerà?

Di Andrea "Geo" Peroni
28 Febbraio 2020

Fermi tutti, andiamoci coi piedi di piombo, analizziamo nel dettaglio tutto quello che sappiamo e poi, eventualmente, iniziamo ad agitarci.

Hideo Kojima sta preparando un annuncio, del quale però non sappiamo nulla. Tramite i suoi profili social, il sempre attivo game director ha fatto sapere ai suoi fan che la prossima settimana verrà fatto infatti un annuncio particolare, senza però sbottonarsi su quello che potrebbe essere il tema in gioco.

Il primo pensiero va ovviamente alla cosa più ovvia e già svelata, ossia la versione PC di Death Stranding. Poco prima del lancio su PlayStation 4, Kojima Productions annunciò infatti che il gioco sarebbe stato reso disponibile anche su computer nel corso dell’estate 2020, grazie al publisher 505 Games. La partecipazione alla GDC 2020, poi annullata per il Coronavirus, poteva forse essere sfruttata per parlare e mostrare per la prima volta questa nuova versione, ma non ne abbiamo la certezza.

E se invece ci fosse sotto qualcosa di più grosso? La foto postata da Kojima ha ovviamente fatto il giro del mondo, soprattutto per il fatto che sembra contenere misteriosi riferimenti a un videogioco tra i più attesi degli ultimi 10 anni e che anni fa vide proprio il papà di MGS tra i principali volti coinvolti nella rinascita dell’IP: Silent Hill.

Circa un mese fa Konami, a proposito di Silent Hill, uscì allo scoperto dopo una serie di indiscrezioni: l’azienda nipponica sta effettivamente pensando al nuovo capitolo della serie horror, lontana dai nostri schermi dal 2012 quando su PS Vita arrivò il ben poco riuscito Book of Memories. Di questo nuovo e segretissimo progetto, però, non sappiamo nulla.

Arriva quindi il momento di analizzare la foto incriminata, postata da Kojima da poche ore. Viene ritratto il PR e Marketing Manager di Kojima Productions, Aki Saito, mentre è al telefono ed è intento a segnare un appunto su un foglio giallo, nel quale si nota chiaramente la scritta “Next Week!“. Il riferimento è ovviamente all’annuncio che la software house andrà a fare la prossima settimana, ancora ignoto, ma andiamo ad analizzare ancor più da vicino la foto.

Come ha anche evidenziato il noto insider Shinobi, la matita che Saito tiene tra le mani contiene una curiosa incisione, ben visibile con un semplice ingrandimento: “Pyramid“. Una parola che, da sola, fa sobbalzare dalla sedia molti giocatori: il nemico più iconico della serie Silent Hill è appunto noto come Pyramid Head, o Testa di Piramide, chiamato anche con altre varianti nel corso della storia di questa saga ma contraddistinto come sempre dalla particolare forma a piramide della sua testa.

Inoltre, sempre Shinobi decide di mettere in risalto, se vi fosse sfuggito in precedenza, che c’è una particolare parola all’interno del tweet di Kojima Productions: “silent“. Un nome che, secondo molti, non è scelto a caso, e che se unito all’indizio di Pyramid, prepara ad un annuncio davvero clamoroso: Hideo Kojima sta effettivamente lavorando ad un nuovo Silent Hill, e l’annuncio arriverà tra pochi giorni.

Naturalmente, come abbiamo ricordato in apertura di articolo, vi invitiamo a non prendere per certe queste considerazioni, anche perché, per quanto ne sappiamo, i rapporti tra Kojima e Konami, che detiene i diritti di Silent Hill, non sono migliorati dal 2015 ad oggi. Ricorderete sicuramente che il padre di Snake stava sviluppando Silent Hills per Konami, salvo poi divorziare dal colosso giapponese a causa degli attriti nati durante la lavorazione di MGS V: The Phantom Pain. Kojima concluse il gioco e si separò dalla società, andando poi a fondare Kojima Productions e accordandosi con Sony per iniziare lo sviluppo di Death Stranding.

Come vedreste un nuovo Silent Hill sviluppato da Hideo Kojima?

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.