[Recensione ] WWE 2K Battleground – Pugnazzi infuocati per tutti !

Di Mark
21 Settembre 2020

Abbiamo provato la nuova creazione targata 2K Games ambientata nell’universo WWE, noto marchio americano del wrestling professionistico. Fin dai primi istanti la sensazione è stata quella di trovarsi davanti al titolo del riscatto per 2K, dopo il risultato non eccezionale di WWE 2K20, la virata su uno stile completamente diverso, pur rimanendo sul simulatore di combattimento, si è rivelata un centro perfetto assicurando al titolo, nonché al marchio stesso, una bocca d’aria fresca e la possibilità, con il giusto supporto, di un prodotto potenzialmente longevo nel lungo termine. Bando alle ciance, vi presento WWE 2K Battlegrounds.

Versione provata: PlayStation 4

VIENI QUI CHE NON TI FACCIO NIENTE !

Il gameplay di WWE 2K Battleground, pur essendo particolarmente lineare, vi darà la possibilità di porre in essere una sostanziosa gamma di combo composte da colpi base, colpi aerei, lanci speciali ed ovviamente le mosse finali. A contorno di ciò, per ogni Superstar, questo il nome dei 70 personaggi, disporrete di tre abilità speciali che si attiveranno durante gli incontri e vi daranno temporanei vantaggi in game. L’interfaccia di gioco, pulita ed ordinata come al solito, vi consentirà di tenere traccia della carica di queste abilità ma anche di altri indicatori molto importanti per l’andazzo del match tra cui: quello relativo al pubblico, che vi inciterà ogni volta che farete nuove mosse e combo “scoraggiando” l’avversiario, quello della Salute, quello dell’Energia, che vi permette di concatenare più combo assieme e infine quello della Rabbia che attiva la mossa finale una volta riempito. Piccolo appunto sul pubblico, pur ricoprendo un ruolo nel gameplay, durante il match e le animazioni, che non si possono mai skippare, la maggior parte di questo è totalmente immobile rendendo l’atmosfera intorno al match un po’ troppo statica.

Veniamo ora alle Superstars: WWE 2K Battleground contiene una quantità incredibile di personaggi del panorama di questo sport, tutti sbloccabili mediante i Battle Bucks, la valuta del gioco ottenibile giocando le varie modalità, salendo di livello e completando le sfide giornaliere, oppure mediante i Golden Bucks, acquistabili sotto forma di microtransazioni. Il costo di ognuna di queste spazia dai 3000 BB ai 12000 BB in base alla loro rarità che può essere Comune, Rara, Epica o Leggendaria. Le Superstars sono poi divise in ben cinque classi, ognuna con le proprie abilità e peculiarità da imparare a gestire per il proprio vantaggio: High-Flayer, specialista di manovre aeree, Tecnico, impareggiabile nel contrattacco, All Rounder, discreto nelle tecniche di tutte le categorie e in grado di conquistare il pubblico grazie al suo carisma, Brawler, specialista nelle esecuzioni e nell’uso delle armi e Powerhouse, i più forti in assoluto della WWE che usano la forza per realizzare potenti tecniche. Come se non bastassero tutte queste Superstars, 2K vi dà anche la possibilità di creare il vostro personaggio, collocandolo in una precisa classe e decidendo i suoi parametri fisici nel dettaglio, ma anche il vostro Battleground, anche qui, consentendovi di decidere colori del ring e dell’arena circostante.

CAZZOTTI E MAZZATE IN TUTTE LE SALSE !

WWE 2K Battleground vuole porsi come una fonte di intrattenimento e divertimento per tutti gli amanti della WWE, intenzione che sembra chiaramente dichiarata già a partire dalla grafica cartonesca del gioco in sé e delle mosse speciali infuocate o elettrificate che possiamo effettuare con i personaggi. Soprattutto, però a rendere accattivante questo titolo è la varietà di modalità di gioco. Tra le tante presenti spicca la Campagna, una modalità che narra di come i vertici della WWE decidano di cercare nuovi talenti da inserire in un nuovo roster parte dell’organizzazione stessa che possa competere fino a Wrestlermania. La cosa positiva della campagna è che è composta da ben 118 differenti scenari che crescono di difficoltà per ogni regione geografica esplorata e presentano nuove modalità di scontro, ma, d’altro canto, la narrazione proposta sottoforma di fumetto pare abbastanza superficiale e sbrigativa.

Oltre a questa troviamo il Torneo, modalità svolta online che richiede il pagamento di una certa somma di BB per potervi accedere ed è organizzato sullo stesso formato di quelli di Clash  Royale: dopo un tot di partite si sblocca la ricompensa finale ma non si potranno perdere più di due incontri. Sempre online è anche King of the Battleground, una sorta di Royale Rumble dove verrete catapultati in un Battleground da quattro giocatori, più resisterete, più nemici butterete fuori, più punti e Battle Bucks sarete in grado di accumulare. Ultima ma non meno importante è la modalità Sfida Battleground dove potrete potenziare il personaggio da voi creato percorrendo uno skill tree ramificato esattamente come la Campagna.

PUNTI DI FORZA

  • Molti comandi ma semplici da imparare
  • Peso ragionevole, circa 6 GB
  • Grafica cartonesca e divertente
  • Personalizzazione super dettagliata

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • La trama della Campagna è alquanto semplicistica e banale
  • Pubblico per la maggior parte immobile in tutte le fasi del match
  • Non ha il trofeo platino

Un titolo che risolleva sicuramente il livello di attenzione sul nome della WWE nel mondo videoludico e che rappresenta un momento di rottura con gli anni passati e soprattutto con l’ultimo titolo. WWE 2K Battleground è sicuramente in grado di offrirvi delle leggere e divertenti ore di gioco puntando forte sulla varietà e l’intrattenimento generale che può fornire. Il titolo è ufficialmente disponibile a partire dal 18 settembre per PlayStation 4, Xbox One, PC, Nintendo Switch e Google Stadia.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Io mi chiamo Marco, ho 20 anni e vivo a Pordenone, nella mia città natale. Attualmente sono uno studente della facoltà di Scienze politiche, relazioni internazionali e diritti umani ma quando non studio continuo a coltivare la mia passione per il mondo dei videogiochi, passione che ho sin da piccolo




Scrivi un commento