Home Videogiochi News Xbox Game Pass in origine era molto diverso, Phil Spencer svela il retroscena

Xbox Game Pass in origine era molto diverso, Phil Spencer svela il retroscena

In occasione dei 20 anni di Xbox, Sarah Bond ha sostenuto un’intervista con GQ, in cui è emerso un interessante retroscena circa la nascita di Xbox Game Pass e la sua natura iniziale, ben diversa da quella di oggi.

Prima che il Game Pass venne presentato al mondo, scopriamo oggi, Microsoft aveva infatti iniziato la progettazione di un servizio chiamato Arches, che si sarebbe basato sul noleggio di videogiochi. Il parallelo, in poche parole, è quello con la catena ormai fallita di Blockbuster, che permetteva ai suoi clienti di noleggiare film e serie TV per alcuni giorni prima di riportarli in negozio.

A quanto afferma Bond, Arches avrebbe avuto esattamente questa funzione, anche se a un certo punto Microsoft ha cambiato idea e ha evoluto il suo servizio.

Osserando l’evoluzione del mercato videoludico e la nascita di piattaforme come Netflix, con un modello di fruizione dei contenuti più massiccio e invasivo, il gigante di Redmond ha deciso di adottare un sistema ben diverso da che era in origine per il suo Xbox Game Pass, che poi è anche quello che troviamo ancora oggi.

La motivazione di questa scelta arriva anche dal profondo cambiamento nella concezione dello sviluppo e nel supporto dei giochi, che oggi possono durare più e più anni. Un esempio? Rainbow Six Siege, ma anche Destiny, Sea of Thieves e così via.

Nell’intervista viene inoltre spiegato che il concept di Xbox Game Pass inizialmente non era visto di buon occhio dai publisher, poiché temevano che il servizio avrebbe svilito il valore economico dei giochi.

Sappiamo oggi che non è così, e che Xbox Game Pass si è dimostrata essere la mossa più brillante di Microsoft nella passata generazione videoludica, capace di risollevare i primi disastrosi anni di Xbox One con una buona risalita.

Fonte

Scritto da
Andrea "Geo" Peroni

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

[Guida] Skull and Bones: come riparare la propria nave

Skull and Bones, il videogioco piratesco di Ubisoft Shanghai, è disponibile su...

PS5, niente sequel nel 2024: non aspettatevi Ghost of Tsushima 2 o il ritorno di altre IP

Sony ha appena pubblicato i suoi rapporti sugli utili per il terzo...

Apex Legends – Il quinto anniversario introduce fondamentali cambiamenti

Apex Legends, il battle royale free to play di Electronic Arts, entra...

I migliori giochi co-op e split-screen su Xbox Game Pass

C’è stato un tempo in cui videogiocare in multiplayer online era una...

Chi siamo - Contatti - Collabora - Privacy - Uagna.it © 2011-2024 P.I. 02405950425