Coronavirus, prime info nuovo DPCM: no a lockdown generalizzato, didattica a distanza vicina

Di Andrea "Geo" Peroni
2 Novembre 2020

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha appena parlato alla Camera dei Deputati dei nuovi dati italiani per quanto riguarda la crisi sanitaria del Coronavirus, e ha fornito le prime indicazioni ufficiali sul nuovo DPCM che entrerà in vigore nelle prossime ore.

Nuova stretta dopo il DPCM della scorsa settimana che obbligava cinema, teatri, palestre, piscine e molte altre attività alla chiusura. I dati dei contagi stanno infatti rapidamento peggiorando rispetto alle settimane scorse, e il governo si ritrova costretto a una nuova serie di misure da adottare.

Per il momento però, stando alle parole del premier, l’ipotesi di un lockdown generalizzato è da escludere:

A marzo, in assenza di un piano operativo certificato sul piano scientifico, senza un sistema di monitoraggio sofisticato, abbiamo emanato provvedimenti generali e uniformi su tutto il territorio nazionale che hanno portato a un lockdown generalizzato. Ora no: non useremmo misure efficaci per le regioni a rischio e ne useremmo troppo severe in zone con minori criticità. Ci saranno tre aree corrispondenti a tre scenari di rischio, a cui sono corrispondenti misure più o meno restrittive.

Per il momento, gli effetti del DPCM della scorsa settimana non si sono ancora fatti sentire, ma secondo il governo e il CTS occorre lavorare in prevenzione per migliorare la situazione:

Sebbene gli effetti saranno presumibilmente positivi, ora non ci sono evidenze scientifiche che ci consentano di pronosticare e alla luce del report di venerdì scorso, siamo costretti a intervenire in un’ottica di prevenzione. Servono misure e una più stringente strategia per il contenimento del contagio da modulare in base alle criticità del territorio.

L’obiettivo è quello di identificare le Regioni più a rischio sul territorio italiano e intervenire in maniera più o meno massiccia in quel dato territorio:

Riteniamo necessario pertanto prendere una decisione che contempli nuovi provvedimenti sulla base del rischio concretamente rilevato nei territori. Sulla base di criteri scientifici predefiniti, elaborati dall’ISS, dal Ministero della Salute e da centri di ricerca, saranno necessari scenari diversi per Regioni.

Per quanto riguarda la Didattica a Distanza, il premier afferma le sensazioni già emerse nelle scorse giornate: le scuole superiori di secondo grado passeranno con tutta probabilità in fase di DAD, e la speranza, come afferma Conte, è che si possa trattare di una situazione momentanea:

Prevediamo che le scuole secondarie di secondo grado possano passare alla DAD sperando che possa essere una situazione temporanea

Fonte

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento