Cinque valide alternative a Gta | Speciale

ALTERNATIVE GTA
Di Marco "Bounty" Di Prospero
18 Settembre 2019

Dopo l’invenzione di un nuovo prodotto di successo, nell’industria intervengono altri attori che imitano tale prodotto cercando di accaparrarsi parte dei clienti e dei guadagni puntando, ad esempio, su un prezzo più economico e concorreziale. In molti casi, le aziende imitatrici potrebbero addirittura migliorare il prodotto iniziale, diventando leader di quel determinato settore. Quanto scritto avviene anche nel mondo videoludico, essendo a tutti gli effetti un settore industriale in cui innovazione, concorrenza e imitazione tra software house sono all’ordine del giorno. Tale premessa è stata utile per anticipare l’argomento di questo speciale. In particolare, ci concentreremo sulle cinque (valide) alternative a Gta, la celebre serie targata Rockstar Games. Il primo Grand Theft Auto risale al lontano 1997, gioco dove dovevamo portare a termine missioni criminali muovendoci liberamente per una città, con la possibilità di guidare veicoli. Il vero salto di qualità si ebbe solo nel 2001, quando Rockstar pubblicò Gta III su Playstation 2. La potenza della console Sony, permise all’azienda statunitense di passare ad una visuale in terza persona, cambiando completamente la prospettiva di gioco. Inutile dire che il gioco riscosse un incredibile successo, rimanendo uno dei migliori titoli per PS2. Ciò convinse molte software house a sviluppare un open-world nel quale potersi muovere liberamente a piedi o tramite veicoli, aggiungendo sparatorie e missioni da completare. Se per alcune il risultato è stato da dimenticare, altre hanno invece raggiunto livelli più che soddisfacenti. Vi presentiamo quindi le cinque valide alternative a Gta; vi auguriamo una buona lettura.

THE GETAWAY

The Getaway fu rilasciato nel 2002 in esclusiva PS2 da Sony Cmputer Entertainment Europe. Il titolo, sviluppato da SCE Soho Studio era ambientato in una Londra fedelmente riprodotta. Tra l’altro a differenza di Gta 3, il gioco poteva contare su due personaggi giocabili. La trama era infatti divisa in due parti. La prima ci vedeva vestire i panni di Mark Hammond, ex galeotto che vuole tornare a vivere una vita tranquilla. Il rapimento del figlio, e l’uccisione di sua moglie, di cui viene ingiustamente dichiarato colpevole, lo costringono però a scappare dalla polizia e a tornare alla vita che tanto voleva abbandonare. La seconda parte invece, segue le vicende de detective Frank Carter. Il suo lavoro lo porterà inevitabilmente a incrociarsi con la storia di Hammond che, dopo un contrasto iniziale, si ritroveranno a collaborare. Come avrete avuto modo di capire, la trama di The Getaway era piuttosto intrigante e ben costruita. Tra l’altro, a differenza di Gta, il gioco contava su un parco auto di oltre 60 vetture realmente esistenti. Impossibile dimenticare, ad esempio, la Fiat Punto, la Peugeot 306, la Nissan Skyline o, ancora l’Alfa Romeo 154, tutte fedelmente riprodotte. Durante la guida potevamo addirittura mettere la freccia per girare. Se forse il gioco peccava in qualcosa, si trattava delle fasi shooter. Ciò a causa di un sistema di mira un po’ legnoso, nonostante le tante armi da fuoco su cui poter fare affidamento. Per dovere di cronaca vi segnaliamo che nel 2004 arrivà anche The Getaway: Black Monday, sequel che non ebbe il successo sperato.

Pagine: 1 2 3 4 5 6



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.