Niente data di uscita, produttrice di GOW Ragnarok molestata sessualmente

Di Andrea "Geo" Peroni
2 Luglio 2022

Un’altra notizia che nessuno vorrebbe riportare, ma che fa capire ancora una volta quanto sia immatura e indecente una fetta degli utenti online.

La settimana che volge al termine è stata caratterizzata da un’altra ondata di rumor intorno a God of War: Ragnarok, il colossale nuovo titolo di Sony Santa Monica che concluderà il ciclo norreno di Kratos e Atreus. Il gioco, secondo le tempistiche, sarà l’ultima grande produzione dei PlayStation Studios per PS4, prima di pensare solamente a PS5.

Da alcuni giorni, gli insider concordavano sul fatto che Sony avrebbe annunciato la fatidica data di uscita il 30 giugno, forse in occasione di un nuovo State of Play. Come avrete intuito, non vi è stato alcuno State of Play (l’ultimo risale all’inizio del mese scorso), e Cory Barlog, director di God of War del 2018, è stato costretto a intervenire su Twitter rispondendo ai rumor su un rinvio del gioco al 2023.

Lo sviluppatore ha chiesto quindi ancora un po’ di pazienza ai giocatori, ma nelle ore successive è andata in scena una nuova pagina scandalosa per il settore – specie per la percezione delle mancate conseguenze quando si compiono azioni di questo tipo online.

La cinematic producer Estelle Tigani, attualmente al lavoro su God of War Ragnarok ma con un ben noto passato nel settore videoludico avendo lavorato anche a Call of Duty per Activision, ha raccontato su Twitter il vergognoso comportamento di alcuni utenti nelle ultime ore, che hanno iniziato a molestare sessualmente la donna.

Attraverso i social network, alcuni utenti hanno infatti inviato foto delle proprie parti intime, in particolare peni (come se già non l’aveste capito, ma era giusto rimarcare), a Tigani, chiedendo alla donna di rispondere con la data di uscita di God of War: Ragnarok. La produttrice ha denunciato l’accaduto su Twitter con questo messaggio:

Suggerimento per professionisti: mandarmi foto di ca**i chiedendomi la data di uscita di God of War Ragnarok, in effetti, non mi farà rivelare la data di uscita.

L’accaduto ha mandato ovviamente su tutte le furie Cory Barlog, che su Twitter ha deciso di farsi sentire.

Barlog, che ricordiamo non è il game director di God of War Ragnarok in quanto occupato su un altro progetto di Santa Monica, ha chiesto maggiore rispetto per gli sviluppatori, che si stanno impegnando per far divertire le stesse persone protagoniste di questi atti vergognosi:

Mi state prendendo in giro??? Non avrei nemmeno pensato di doverlo dire, ma non inviate foto di ca**i a NESSUNO in questa squadra o a chiunque altro in questo settore per queste cose. Si stanno impegnando per farvi divertire. Mostrate un po’ di fo**uto rispetto.

Un fatto che accade a poche ore di distanza dagli scandalosi insulti rivolti a Ron Gilbert dopo il nuovo trailer di Return to Monkey Island. Il creatore della serie, sconvolto da tanta tossicità da parte degli utenti, ha deciso che non condividerà più aggiornamenti sul gioco fino alla sua uscita – decisione che comprendiamo e che ci sentiamo di appoggiare.

A proposito di God of War, Sony ha annunciato lo sviluppo di una serie TV che sarà realizzata da Amazon. Tra gli altri progetti in sviluppo troviamo anche gli adattamenti di Horizon: Zero Dawn da Netflix e un film di Gran Turismo diretto da Neill Blomkamp.

Offerta
God of War Hits - PlayStation 4
  • Un rinnovato inizio in grado di appassionare nuovi giocatori e fan della saga
  • Circa 30 ore di gioco da vivere immerso negli incontaminati regni del folklore nordico



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento