Follia in Warner Bros, Batgirl cancellato anche se pronto e costato 90 milioni

Di Andrea "Geo" Peroni
3 Agosto 2022

Una notizia davvero incredibile quella arrivata nella notte da Hollywood. Nonostante il film fosse già stato girato e dunque nella fase della post-produzione, Warner Bros. ha cancellato Batgirl, pellicola con Leslie Grace e Michael Keaton che non sarà quindi distribuito in alcuna forma.

Il film, con Leslie Grace nei panni di Barbara Gordon (alias Batgirl) e diretta dai registi di Bad Boys for Life e Ms. Marvel Adil El Arbi e Bilall Fallah, aveva ottenuto il via libera nel 2021 come parte di uno sforzo a livello aziendale della Warner Bros. per creare film per HBO Max.

La recente fusione tra WB e Discovery ha però riorganizzato interamente la compagnia, e Batgirl è passato da prodotto esclusivo di punta per la piattaforma streaming a sacrificato di lusso, visto l’importante budget stanziato.

Gli addetti ai lavori insistono sul fatto che la decisione di eliminare Batgirl dalle uscite non è stata causata dalla qualità del film o dall’impegno dei registi, ma dalle indicazioni dei nuovi vertici dell’azienda, che vuole fare di ogni film DC un grandissimo evento, come nel caso di Joker 2 con Lady Gaga. Vista la destinazione di HBO Max, Batgirl non rientra più in questa categoria. Il budget della produzione, che ha terminato le riprese principali all’inizio di quest’anno ed era nella fase di post-produzione, ha raggiunto i 90 milioni di dollari, in parte a causa di ritardi e protocolli legati al COVID.

Il cast comprendeva grandi nomi. Oltre a Leslie Grace nei panni della protagonista, in Batgirl sarebbe tornato Michael Keaton come Bruce Wayne dopo The Flash, e JK Simmons nel ruolo del commissario Jim Gordon già interpretato in Justice League. Brendan Fraser era stato scelto per interpretare il villain Firefly. L’attrice protagonista aveva inoltre rivelato in aprile che erano già avvenute discussioni circa un potenziale sequel.

Dietro a questa sorprendente mossa ci sarebbe David Zaslav, da poco CEO di WB Discovery, la cui visione per le etichette dell’azienda non concorda con quelle di Jason Kilar e Ann Sarnoff, che intendevano puntare fortemente su HBO Max.

Si tratta del terzo film DC cancellato in poco più di un anno, che si aggiunge a New Gods e The Trench.

La decisione, sebbene motivata dalle nuove strategie di Warner e DC, è stata comunque scioccante in quel di Hollywood, poiché si tratta di un caso più unico che raro – l’investimento di 90 milioni di dollari non avrà alcun ritorno. WB peraltro è ancora indecisa, riporta Variety, circa la destinazione di The Flash, il film in arrivo al cinema nel 2023 la cui star Ezra Miller è stata al centro di numerosi scandali negli ultimi mesi.

L’industria, intanto, si interroga su questa incredibile scelta. Il giornalista Justin Kroll di Deadline è stato contattato da uno studio rivale anonimo di WB, che ha definito “una ca**ata senza precedenti” la morte a sorpresa di Batgirl:

Un minuto dopo che questa storia pubblicata ha ricevuto una chiamata da un dirigente di uno studio rivale che è rimasto sbalordito dalla cancellazione. “Ho lavorato in questa città per tre decenni e questa è una ca**ata senza precedenti proprio qui.”

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento