Recensione Mouse Zowie: 10 modelli delle serie EC, FK, ZA, S

Di Luca "RRock" Allocca
27 Marzo 2019

Il mondo dell’ eSports sta vivendo un periodo di forte ascesa e i prodotti dedicati al settore competitivo del gaming iniziano ad essere sempre di più. Per questo motivo abbiamo deciso di approfondire la questione prendendo in considerazione 10 differenti mouse prodotti da Zowie, azienda all’avanguardia di questo settore, e analizzandone pregi e difetti.

Iniziamo col fare una panoramica generale su questi mouse e spiegare il perché sono cosi tanto amati dai videogiocatori professionisti. La prima cosa che Zowie vuole mettere in chiaro è questa “dimensioni e forma per differenti grips”. Ed e’ proprio questo che fa la differenza, ogni tipologia di mouse Zowie e’ caratterizzata non solo da una forma diversa ed ergonomica, ma anche dalle dimensioni che possiamo scegliere in base all’impugnatura della nostra mano.

Ognuno di noi ha un modo differente di impugnare un mouse e questo dipende da diversi fattori. Le impugnature più usate sono di 3 tipi: il palm grip, il claw grip e il fingertip grip.

  • Il palm grip e’ una delle impugnature più comuni e la più confortevole per tantissime persone, ma concede meno accuratezza quando clicchiamo.
  • Il claw grip, invece, e’ giudicata la migliore per il gaming, facile da utilizzare, permette grande precisione e reattività nel cliccare gli switch del mouse. pero’ può essere meno confortevole nelle lunghe sessioni di gioco.
  • Il fingertip grip invece consente un grandissimo controllo, restituisce un feeling migliore rispetto alla claw grip, ma e’ anche la più pericolosa e stancante per la nostra mano, sostanzialmente quella che mette più in difficoltà i nostri tendini.

In base a questa breve lezione di anatomia, dovreste già aver capito cosa intende Zowie quando dice “dimensioni e forma per differenti grips”. Ogni mouse Zowie infatti ha una forma e una dimensione differente per ogni mano. Ma oltre questo, c’e’ un’altra particolarità che la contraddistingue dal resto del mercato: la mancanza di software e di drivers da installare. Oogni mouse  ha la possibilità di cambiare dpi e il poling rate meccanicamente e direttamente attraverso il mouse stesso. Questo non e’ un handicap, ma al contrario permette a chi si cimenta in tornei eSports, di avere il proprio mouse sempre pronto all’uso, basta connetterlo al computer ed il gioco e’ fatto.

Vediamo ora nel dettaglio tutti i mouse che ho avuto la possibilità di provare in questi giorni per questa recensione. Tra questi ne scegliero’ uno, che come detto prima, sara’ quello che meglio si adatta al mio stile, di gioco, al mio grip e alle dimensioni della mia mano. spero che tutto questo possa essere utile anche ad alcuni di voi, che stavano valutando uno di questi mouse, ma non sapevano quale fosse il migliore per l’anatomia della propria mano.

MODELLI EC1-B EC2-B

Tutta la serie EC ha un design ergonomico esclusivamente per utenti che usano la mano destra. Ottimo mouse per chi usa il Palm Grip oppure Claw Grip. Offre agli utenti uno spazio più grande per i movimenti del polso. La forma del lato destro del mouse è ben arrotondata. Permette alla punta delle dita di trattenere e coprire il mouse per muoversi senza intoppi. La serie EC è disponibile in due dimensioni per soddisfare esigenze diverse. EC-B è la versione più recente che utilizza il sensore ottico 3360. Poling rate modificabile da 125, 500 e 1000 Hz. Consente anche un cambio di dpi attraverso uno switch meccanico. Ogni stop di dpi è identificato da un colore – 400 per il colore rosso, 800 per il viola, 1600 per il blue e verde per i 3200. La corrispondenza colore-dpi la troviamo su tutta la gamma di mouse Zowie.

I modelli da me testati sono l’EC1-B e l’EC2-B che si differenziano soltanto per le dimensioni. Le specifiche tecniche le potete consultare qui sul sito ufficiale.

SERIE FK

Per la gamma FK non importa che tu sia destrorso o mancino, è progettata per il tuo comfort. Proprio per questo sono stati pensati degli switch laterali sia a destra che a sinistra del mouse. Il design low profile offre un migliore controllo per chi usa sopratutto il Palm Grip. Per gli altri grip puo essere difficoltoso avere pieno controllo sugli switch del mouse mentre cliccate. La serie FK è disponibile in tre diverse dimensioni, anche qui contraddistinte da un numero. FK1 per mano large, FK1+ per mani extra large ed FK2 per mani di medie dimensioni. Il poling rate è anche qui da 125,500 o 1000 Hz, mentre I DPI switchabili sono 400, 800,1600 e 3200, sempre individuabili dal colore specifico. Il sensore utilizzato è un meno recente AVAGO ADNS-3310.

SERIE ZA

Sono mouse progettati per utenti sia destrorsi che mancini. Il design di alto profilo offre supporto al palmo della mano dell’utente. Anche qui troviamo gli switch laterali sia a destra che a sinistra. La consiglio per chi utilizza il palm grip. La serie ZA è disponibile in tre diverse dimensioni, contraddistinte dal modello Z11-Z12 E Z13. Il polling rate e I DPI sono i medesimi delle altre due serie viste fino ad ora. Il sensore è un 3310.

SERIE S

Questa è la più recente e anche quella con cui personalmente mi sono trovato meglio. La gamma S è progettata per consentire agli utenti di avvolgere e tenere il mouse facilmente e va bene sopratutto per chi usa la claw grip oppure la fingertip. C’è abbastanza spazio tra il palmo e il bordo posteriore del mouse in modo che tutti possano muoversi liberamente durante i movimenti verticali.La serie DIVINA S è disponibile con rivestimento lucido nei colori rosa e blu, dotata del sensore 3360 e disponibile in due diverse dimensioni contraddistinte dal S1, di dimensione piu grande e l’S2 di dimensioni più ridotte. Ho potuto provare entrambe le misure in versione DIVINA Blu, che a mio avviso hanno una colorazione stupenda.

Tutti questi modelli di mouse possono essere ordinati online su Amazon a questa pagina.

In conclusione, gli Zowie sono ottimi mouse per tutti I tipi di utenza. Anche se dall’aspetto possono sembrare dei comuni mouse da ufficio, all’interno racchiudono un cuore totalmente eSports. L’S2 in particolare, è uno dei migliori mouse che io abbia mai provato e la sua precisione è nota a molti degli addetti ai lavori nel settore. L’unica pecca che ho potuto riscontrare è che le plastiche, nelle lunghe sessioni di gioco, possono diventare parecchio scivolose se si suda molto. Problema che si può comunque risolvere attraverso uno dei tanti grip in commercio. A questi livelli mi aspettavo però un cavo USB retinato e non in gomma, ma sono piccolezze.Il prezzo è in linea con la concorrenza, partiamo dai 60 euro della serie ZA ai 100-110 della serie S Divina.



Sono un ex giornalista freelance che ha collaborato in passato con diverse riviste musicali internazionali, nonché musicista ed amante della comunicazione a 360°. Credo di essermi innamorato della tecnologia fin dalla più tenera età, a 10 anni smontavo e rimontavo già i primi PC che comparivano in casa. Ho incontrato il mondo videoludico con il Commodore 64, passando in seguito per il magico Mushroom Kingdom di Super Mario Bros, al primissimo Sonic the Hedgehog su Sega Megadrive, non tradendo fin dagli albori la mia filosofia da videogiocatore "All Night Long". "Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo...".