GTA 6: protagonista femminile, Miami e gioco “culturalmente sensibile”, per un report

Di Andrea "Geo" Peroni
28 Luglio 2022

In attesa di commenti ufficiali da parte di Rockstar Games su Grand Theft Auto VI, che per la prima volta quest’anno ha parlato del progetto, un nuovo rapporto di Bloomberg offre nuovi importanti dettagli, incluso il fatto che il gioco presenterà la prima protagonista femminile giocabile della serie.

Dopo le cancellazioni delle remastered di GTA 4 e Red Dead Redemption, Rockstar Games è ora concentrata esclusivamente sullo sviluppo di GTA 6, che intende completare il prima possibile. Naturalmente ciò non significa che il gioco arriverà nei prossimi mesi, ma lo studio ha voluto dare la priorità massima a esso.

Secondo Bloomberg, GTA VI avrà come protagonista una coppia di personaggi liberamente ispirati al famigerato duo di rapinatori Bonnie e Clyde. Il personaggio femminile sarà latina e la storia del gioco si svolgerà in una versione immaginaria di Miami, in Florida, e delle aree circostanti.

Bloomberg riferisce inoltre che GTA VI è in fase di sviluppo dal 2014, ma che i progressi sono stati più lenti del previsto a causa di una serie di fattori, tra cui l’impegno per orari di lavoro più sostenibili e alcune partenze chiave di alto livello, tra cui quella di Dan Houser.

Di conseguenza, il gioco dovrebbe uscire prima di marzo 2024, anche se alcuni sviluppatori hanno ammesso di essere ancora scettici sul fatto che la scadenza possa essere rispettata. Il report svela poi che la mappa del gioco era originariamente progettata per comprendere vaste aree del Nord e del Sud America, ma Rockstar ha respinto questa idea perché troppo impegnativa. Lo studio non ha però intenzione di frenare le proprie ambizioni, e prevede invece di aggiungere più aree e città dopo il lancio del gioco.

Bloomberg riferisce inoltre che Rockstar Games sta anche cercando di essere più culturalmente sensibile. I giochi della serie GTA sono stati criticati in passato per il loro trattamento ostile nei confronti delle donne e per le battute offensive che prendono di mira le comunità emarginate. Apparentemente una protagonista femminile giocabile fa parte del tentativo di affrontare questo problema.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento