Rainbow 6 EU League | Aria di derby nel primo playday

Di Mark
19 Marzo 2021

Benvenuti ancora una volta all’inizio della nuova stagione europea di Rainbow Six Siege. Affronteremo questa stagione insieme, sempre con i soliti resoconti che ormai non mancano dalle ultime fasi della ex-Pro League di ESL, ma in modo leggermente rivisitato. Per ogni giornata, infatti andremo a vedere in generale come sono andati tutti i match e creeremo un nuovo spazio in cui sarete più che benvenuti di dire la vostra. Prima di cominciare, qualora vi siate persi qualche notizia, vi lascio qui sotto la news relativa a tutti i trasferimenti della sessione di mercato.

Rainbow Six Siege: European League Season 2 alle porte, come sono cambiate le squadre

Inizia con lo scontro tra gli esordienti dei TrainHard eSport e i Natus Vincere la prima giornata dove, oltre al team francese, la novità è subito la scelta di giocare Chalet, mappa appena entrata nel pool competitivo. Gli inglesi iniziano molto bene dominando la fase difensiva portandosi quattro dei sei round a casa approfittando della passività con cui i francesi si oppongono alle offensive e dello stato di grazie di Doki, che scatena il panico con Buck. Nella seconda fase di gioco poi il distacco aumenta notevolmente fino a concretizzarsi nel 7-2 finale.

Il secondo match è il primo derby di giornata: quello tra Team Empire Virtus.pro. Occhi puntati sul ritorno in terra russa di karzheka che torna a sfidare, da assoluto rivale, il suo storico team di appartenenza. Match russo fino in fondo, giocato nella mappa Kafè Dostoyesvky. Una partita infiammatissima che sin dalle prime battute fa emergere la grande rivalità che attraversa le due compagini: dopo sei round, infatti il risultato è fermo sul 3-3. Anche quando i campioni del Major di novembre cercano di staccarsi, i VP trovano il modo di reagire portandosi sul matchpoint per poi venire nuovamente recuperati dando vita ai primi supplementari della European League. Il tira e molla si conclude con i Virtus.pro che si portano a casa 2 punti.

Da un derby all’altro con i BDS che trovano i nuovissimi Vitality sulla loro strada. Uno scontro che si protrae in numerosi esport (ultimo appuntamento importante la finale del Major europeo di Rocket League) e che ogni volta viene notevolmente sentito. Le apette partono benissimo con una difesa molto aggressiva che i loro avversari soffrono parecchio e che li porta a tenere testa ai campioni del Major di agosto fino al 3-3. Partita che si mette su binari molto simili rispetto a quella precedente ma che poi vede Shaiiko e compagni pigiare fortissimo sull’acceleratore per portarsi sul 7-5 conclusivo. Buona, nonostante la sconfitta, la prestazione dei Vitality che portano via 5 round ad un top team giocando in modo propositivo e spregiudicato, come ci si sarebbe aspettato lo scorso anno. Che sia arrivato il momento di fare un salto di qualità per loro ?

Rogue sono chiamati al riscatto dopo uno Stage 2 semplicemente disastroso che li ha visti chiudere la scorsa stagione alle Relegation. Davanti a loro i nuovissimi arrivati in EUL: Cowana Gaming. Si torna in Kafé dove i nuovi arrivati mettono su quello che possiamo definire semplicemente come uno spettacolo. Coordinazione, velocità, efficacia, questa la formula magica che li porta a ramazzare un team ancora provato dalla scorsa deludente stagione e che, se avessero incontrato nelle Relegation, li avrebbe probabilmente scacciati in Challenger League.

Chiudono la serata i G2, campioni in carica dopo la vittoria di gennaio, e i Secret. I primi orfani di Pengu, i secondi di SHA77E, diverse le scelte che hanno portato i due giocatori lontano dalla scena competitiva ma entrambi hanno segnato una prima, grandissima, generazione di Siege. Tornando al presente, però, il match tra le due squadre si può analizzare in due momenti ben distinti: l’inizio, dominato in lungo e in largo dalla fase offensiva dei G2 che sembrano avere pieno controllo di tutta la mappa e di tutte le mosse degli avversari, e la metà del game, dove le fasi si invertono in maniera perfetta ed i Secret tirano fuori, round dopo round, una partita perfetta che li porta a vincere 7-5.

Nel complesso, ottimo l’inizio di Cowana, Virtus.pro e Vitality, mancano all’appello i campioni in carica e soprattutto i Rogue che erano chiamati al riscatto dopo un pessimo Stage 2. Ma siamo solo alla prima giornata e, come sappiamo, c’è ancora tantissimo tempo per rimescolare le carte in tavola. Andiamo a dare uno sguardo alla classifica.

CLASSIFICA PLAYDAY 1 STAGE 1 

  1. Cowana Gaming 3pt
  2. Natus Vincere 3pt
  3. BDS Esport 3pt
  4. Team Secret 3pt
  5. Virtus.pro 2pt
  6. Team Empire 1pt
  7. G2 Esports 0pt
  8. Team Vitality 0pt
  9. Trainhard eSport 0pt
  10. Rogue 0pt

Per oggi è tutto, appuntamento alla prossima settimana con la seconda giornata !



Abbiamo parlato di:

Appassionato di videogiochi ed entusiasta del racconto. Il mio sguardo è fisso al mondo esportivo con particolare attenzione verso Rainbow Six Siege, nella speranza che il movimento italiano possa diventare sempre più significativo.




Scrivi un commento