Tutto quello che sappiamo su…F1 2020

Di Marco "Bounty" Di Prospero
30 Giugno 2020

Con F1 2019 Codemasters è riuscita a creare un ottimo gioco dedicato alla massima serie di corse automobilistiche. Il titolo, infatti, pur non avendo un gameplay simulativo al 100%, come potrebbe essere quello di un Assetto Corsa, rappresenta il giusto compromesso tra gioco arcade e gioco simulativo. Ci troviamo quindi di fronte ad un titolo adatto ad ogni pilota virtuale. Vi basti pensare che durante il lockdown causato dal Coronavirus, il campionato di F1 si è corso digitalmente proprio su F1 2019, ospitando, tra gli altri, piloti del calibro di Charles Leclerc, Lando Norris o Mark Verstappen. In effetti, come vi abbiamo raccontato durante i vari eventi online, i piloti hanno riscontrato un buon feeling con F1 2019, con sensazioni molto simili a quelle di una reale monoposto.

Inutile dire che creare un seguito ancor più performante di F1 2019 non è cosa semplice. Tuttavia con F1 2020 Codemasters vuole limare ancora di più il già ottimo gameplay del suo predecessore. In attesa dell’uscita ufficiale del gioco ecco quindi un’anteprima in cui scriveremo tutto quello che sappiamo su F1 2020.

f1 2020

Non rivoluzione ma…evoluzione

Come detto in apertura, con F1 2020 Codemasters vuole evolvere e non rivoluzionare quanto visto nel capitolo precedente. In particolare, il gameplay di F1 2020 risulta molto simile a quello del suo predecessore, con uno stile di gioco che accontenta sia i neofiti che gli esperti della serie. Ciò grazie ad una serie di opzioni totalmente personalizzabili, grazie alle quali decidere se attivare o meno gli aiuti di guida. L’evoluzione più importante riguarda quella dell’intelligenza artificiale, resa ancora più aggressiva. In questo modo, gli avversari cercheranno di eseguire traiettorie differenti per sorpassare o mantenere la posizione. In altre parole, i Gran Premi saranno più combattuti e realistici, oltre ad essere molto più dinamici. Tra l’altro gli sviluppatoi hanno apportato delle modifiche al grip delle vetture, rendendo possibile una guida più aggressiva. Sarà possibile ad esempio ritardare le frenate prima di una curva, così da recuperare qualche decimo sugli inseguitori o sui piloti davanti. Per quanto riguarda l’HUD di gioco, sono state migliorate alcune delle icone a schermo, così da risultare più leggibili durante la gara.

f1 2020

Modalità My Team

Ad affiancare la classica modalità Carriera, F1 2020 vedrà l’inserimento di My Team, una nuova modalità che potremmo associare alla modalità allenatore dei vari FIFA o PES. In My Team infatti non impersoneremo il pilota di una scuderia ma direttamente il capo squadra. Il tutto si baserà quindi sulla gestione e sul management della scuderia, approfondendo ancor di più l’universo della F1. Tra le altre cose, in My Team dovremo controllare il budget della scuderia, decidere i piloti da assoldare, i fornitori dei motori, i colori della monoposto e molto altro ancora. Dovremo gestire anche le relazioni con i giornali e con i mass media in generale. A differenza di F1 2019, in cui le interviste erano di mero contorno, in F1 2020 i mass media potranno influenzare (positivamente o negativamente) i piloti o i meccanici di una scuderia.

f1 2020

Formula 2 e vetture leggendarie

Una delle conferme di F1 2020 riguarda la Formula 2 che sarà presente fin dal lancio del gioco. In particolare, la stagione 2019 sarà disponibile fin da subito mentre quella 2020 arriverà in download gratuito entro fine 2020. A differenza di F1 2019, in cui la carriera in Formula 2 durava qualche gara, in questo nuovo capitolo potremo godere di un campionato completo. Tra l’altro, faranno il loro ritorno anche gli eventi classici, in cui poter guidare le vecchie monoposto degli anni 90′ e 2000. Ultima ma non per importanza l’inserimento di due nuove circuiti: Hanoi e Zandvoort.

f1 2020

Questa dunque l’anteprima su F1 2020. Vi ricordiamo che il titolo sarà disponibile dal prossimo 10 luglio 2020 su PS4, Xbox One, Google Stadia e PC.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.




Scrivi un commento