La Storia di Mob of the Dead e i finali alternativi

Di Filippo Giaccaglia
9 Maggio 2013

Analisi e sintesi dei 2 finali alternativi che si possono vedere completando l’Easter egg di Mob of the dead. Al, detto anche, “The Weasel”, è il personaggio principale di Mob Of the Dead ed è colui che elaborò il piano di fuga. L’ideatore del piano dalla mente contorta convinse gli altri prigionieri, i quali, sarebbero dovuti scappare con un aereo la notte di capodanno del 1933 (nel cielo si notano i fuochi d’artificio), ma qualcosa andò storto.


Il velivolo non fù mai costruito e gli animi dei proigionieri fomentati dall’astio contro Al, non fecero che peggiorare la situazione. Quella stessa notte, Billy, Michael e Salvatore, attirararono Al con l’inganno sul tetto e muniti di armi improvvisate lo uccisero brutalmente. Morì dissanguato sul freddo lento di cemento.
I 3 Evasi furono condannati alla sedia elettrica e le esecuzioni avvennero il 19 Gennaio del 1934.


Ma torniamo ai finali dell’easter egg che come mostrato nel video sono due:

IL CICLO CONTINUA—-> Al viene ucciso dai 3 prigionieri
La storia si ripete come in una sorta di sogno dove riaffiorano i ricordi di una terribile notte di capodanno. In mob of the dead riviviamo quella notte di capodanno con la possibilità di modificare la storia, scegliere il finale che più ci piace.
IL CICLO E’ STATO SPEZZATO—–>Al uccide i 3 prigionieri
Al si salva e uccide i 3 prigionieri, questo spezza il ciclo e cambia la storia, una storia che non può più ripetersi e un ciclo che è destinato a concludersi.

Guarda il video con entrambi i finali e Metti un bel Like!!

Ascolta tutte le registrazioni audio presenti nel gioco che raccontano la storia di Mob Of the Dead.

Scopri come ottenere tutte le registrazioni giocando

Come costruire il velivolo

Vuoi potenziare il Tomahawk infernale in un tomohawk più potente? continua a leggere



Dicono che sono un sognatore e che dovrei pensare a crescere di più. Dicono che non avrò mai una famiglia e che non metterò mai la testa a posto. Ma io me ne frego. Sono contento di essere il bambino "grande" con una famiglia di 500 mila nipotini.