Ubisoft vuole realizzare giochi ancora più lunghi per spingere le microtransazioni

Di Andrea "Geo" Peroni
19 Febbraio 2022

Prepariamoci a un futuro dominato da giochi sconfinati e interminabili, perché le grandi aziende si stanno rivolgendo verso questa direzione.

Ubisoft ha tenuto l’abituale chiamata sugli utili con gli investitori per parlare dell’ultimo delicato trimestre, non il momento migliore per la compagnia.

Pur affermando che il prossimo anno fiscale vedrà l’arrivo di importanti produzioni come Mario+Rabbids: Sparks of Hope e il redivivo Skull & Bones confermato dal CEO di Ubisoft (resta invece latitante il remake di Prince of Persia, ormai perso tra le sabbie del tempo), gli ultimi mesi del 2021 non sono stati infatti soddisfacenti per il colosso francese.

Riders Republic e Far Cry 6 non sono stati in grado di replicare i numeri del 2020 di Assassin’s Creed: Valhalla e Watch Dogs: Legion. Se il secondo ha proseguito i buoni numeri del franchise, Valhalla fu invece un vero trionfo, e non è difficile capire per quale motivo presto il gioco si arricchirà di una nuova e corposa espansione.

Se non altro, c’è un dato che ha dato conforto a Ubisoft, e cioè che i giocatori di Far Cry 6 hanno passato in media ben il 45% di tempo in più sul gioco rispetto a quanto accaduto con Far Cry 5. Allo stesso modo, anche Riders Republic, che non ha venduto quanto sperato, ha però trattenuto gli utenti per il 60% di tempo in più rispetto al precedente gioco di Ubisoft Annecy.

Da questi dati, partirà quindi la nuova strategia della compagnia francese, in cerca di nuovi fenomeni e mercati dopo il fallimento di alcune operazioni come il battle royale Hyper Scape: realizzare giochi (quasi) interminabili.

I dirigenti Ubisoft hanno infatti dichiarato l’intenzione di voler realizzare giochi ancora più lunghi e sostanziosi, con l’intento di trattenere i giocatori sempre più a lungo all’interno dei franchise Ubisoft e spingerli così a ricorrere alle microtransazioni per acquisti in-game.

La società, riporta Axios, si trova infatti di fronte a un futuro ben delineato secondo le attuali tentenze. Mentre la critica e parte del pubblico hanno risentito dell’estrema longevità di alcuni recenti giochi della compagnia, come Assassin’s Creed: Valhalla, sembra che il mercato stia invece dando ragione a Ubisoft, spingendo così l’azienda a voler realizzare giochi ancor più impegnativi in termini di tempo e trattenere gli utenti il più possibile. Lo stesso Valhalla, dichiara Yves Guillemot, è l’indicatore perfetto di ciò che la compagnia vuole realizzare: nonostante le critiche mosse, relative alla lunghezza del gioco, il più recente titolo della serie Assassin’s Creed ha superato la soglia del miliardo di dollari dai ricavi.

Cosa ne pensate di questa nuova strategia di Ubisoft, che includerà anche nuovi free to play come The Division: Heartland e Ghost Recon: Frontline?

Offerta
Far Cry 6 - Gold Edition - PS4
  • Lotta per la libertà: gioca nei panni di Dani Rojas, combattente di Yara, e diventa un soldato della guerriglia per liberare la nazione
  • Una yara a pezzi: combatti contro le truppe di Antón nel più grande mondo di gioco della storia di Far Cry, tra la giungla, le spiagge ed Esperanza, la capitale di Yara

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento